Home > News > Il governo municipale di Pechino prevede di testare il cbdc nella capitale cinese

Il governo municipale di Pechino prevede di testare il cbdc nella capitale cinese

Ad accompagnare il progetto pilota c’è la costruzione di una zona di prova di valuta digitale legale e di un sistema finanziario digitale

Lunedì scorso la supervisione e l’amministrazione finanziaria locale di Pechino, insieme al governo del distretto di Tongzhou, hanno ospitato una conferenza che ha evidenziato i piani della Banca popolare cinese (PBC) – Digital Currency Research Institute per costruire una zona di prova della valuta digitale legale e un sistema finanziario digitale nella città capitale della Cina. Queste iniziative rientrerebbero nel piano globale della zona pilota di libero scambio cinese (Pechino).

C’erano piani per testare lo yuan digitale a Pechino che sono stati discussi lo scorso agosto, ma la presenza di questa discussione alla conferenza a livello regionale mostra che il progetto pilota è classificato come parte della pianificazione a livello statale, come si osserva nel documento politico. per quanto riguarda la zona pilota di libero scambio a Pechino e in altre città.

Un rapporto di Sina, un media cinese, ha rivelato che la conferenza ha anche discusso dell’attuazione della politica dei “due distretti” del Paese. Ciò ha incluso una maggiore clemenza in termini di accesso al mercato per le istituzioni finanziarie straniere, lo sviluppo della finanza verde e della gestione patrimoniale internazionale, nonché il lancio di esperimenti di valuta digitale.

Il governo cinese ha pianificato il suo progetto pilota per la valuta digitale della banca centrale (CBDC) a Pechino per seguire un modello simile al suo programma pilota nella città di Shenzhen, dove le autorità hanno regalato ai cittadini 1,5 milioni di dollari della valuta digitale.

Ci sono state alcune segnalazioni che citano come gli utenti, al momento, non siano stati completamente soddisfatti dello yuan digitale. Due milioni di persone hanno chiesto una quota, che era di 200 yuan digitali ($ 30). Tuttavia, un richiedente ha spiegato che l’opzione gli sembrava meno conveniente e che non avrebbe scelto di utilizzare nuovamente il CBDC a meno che non fosse stato distribuito tramite un altro omaggio. Un altro richiedente ha affermato che l’infrastruttura dello yuan digitale era simile alle valute digitali di Alipay e WeChat, che sono state “fuori uso da molto tempo”.

Il governatore Yi Gang della PBC ha annunciato che le prove dello yuan digitale hanno completato con successo oltre quattro milioni di transazioni, per un valore totale di circa 299 milioni di dollari.

Questa proposta di espandere le sperimentazioni sulla valuta digitale a Pechino è anche allineata alla strategia di rollout fornita dal Ministero del Commercio in Cina. Un rapporto diffuso da Bloomberg News lo scorso agosto ha rivelato che i test sullo yuan digitale si svolgeranno molto probabilmente anche in alcune aree del nord della Cina, come il Tianjin e la provincia di Hebei, e il distretto cittadino nella regione del delta del fiume Yangtze, inclusa Shanghai .

Etichette: