Il Kazakistan intende investire oltre $ 700 milioni nel mining di criptovalute

La nazione dell’Asia centrale sta lavorando allo sviluppo della sua industria di mining di criptovalute facendo pressioni per un afflusso di investimenti

Image of a panoramic view of Almaty, Kazakhstan
Kazakhstan is a prime destination for crypto miners due to its cheap electricity rates

Il Kazakistan non vede l’ora di attirare 300 miliardi di tenges (circa $ 715 milioni) di investimenti per la sua industria mineraria di criptovaluta emergente, come rivelato dall’ex ministro per lo sviluppo digitale, l’innovazione e l’industria aerospaziale Askar Zhumagaliyev in un’audizione al Senato tenutasi lo scorso giugno.

Zhumagaliyev ha spiegato che il mining di criptovaluta era già diventato un evento normale e una “parte della nostra vita quotidiana” dopo aver condotto uno studio su altre nazioni come gli Stati Uniti e la Corea del Sud.

Bagdat Mussin, l’ultimo ministro per lo sviluppo digitale del Kazakistan, ha rivelato che il paese è attualmente in trattative per ricevere questo investimento in modo che possano lavorare sull’espansione del settore del mining di criptovaluta.

Mussin ha affermato che “oggi abbiamo accordi preliminari per attrarre investimenti per un valore di 300 miliardi di tenges” e che il paese sta costruendo altre quattro mining farms.

Il paese dell’Asia centrale ha anche presentato una proposta che imporrebbe una tassa fissa del 15% sul settore, nel tentativo di integrare ulteriormente i profitti derivanti dall’estrazione di criptovaluta all’interno dei confini nazionali.

Al suo ritmo attuale, il Kazakistan è sulla buona strada per diventare uno dei primi tre paesi al mondo per l’estrazione di BTC. I dati ottenuti da The Bitcoin Mining Map, lo strumento di monitoraggio del mining BTC dell’Università di Cambridge, mostrano che la nazione dell’Asia centrale è già la quarta nell’elenco ed è responsabile di oltre il 6% del tasso di hash globale.

Sta lentamente raggiungendo la Russia, responsabile del 6,9% del tasso di hash globale. I due paesi che dominano la lista sono la Cina, che rimane incontrastata al 65%, e gli Stati Uniti al 7,2%.

Se il loro investimento da 700 milioni di dollari nel mining di criptovalute andrà avanti, è molto probabile che il Kazakistan si assicuri un posto tra i primi tre.

Inoltre, i dati rilasciati dal Cambridge Center for Alternative Finance (CCAF) mostrano che l’aumento delle bollette dell’elettricità in tutta la Cina sta spingendo i minatori a cercare altre località per avviare le loro operazioni di cripto. Il tasso di hash globale del 65% del paese è già un calo notevole rispetto al tasso di hash globale del settembre 2019, che si avvicinava al 76%.

Mentre i minatori vedono gli Stati Uniti come una valida alternativa, il Kazakistan è più vicino al paese in termini o vicinanza perché condivide un confine a ovest con la Cina. Poiché offre anche tariffe elettriche molto più economiche, il tasso di hash prodotto dal paese è salito al 334% in un solo anno, quando i minatori hanno iniziato a migrare le loro operazioni e attrezzature.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading