Il ministro delle finanze giapponese non concorda con le agevolazioni fiscali per la criptovaluta

Il Vice Primo Ministro e Ministro delle finanze, Tarō Asō, è riluttante a tassare la criptovaluta utilizzando gli stessi parametri delle merci

Insegna di Bitcoin in Giappone
Il Giappone è uno dei paesi più proattivi al mondo quando si tratta di criptovalute.

Il vice primo ministro e ministro delle finanze giapponese, Tarō Asō, ha rivelato di non essere d’accordo con il piano di abbassare le tasse sulle criptovalute allo stesso livello delle azioni.

Durante il Comitato finanziario della Camera dei rappresentanti, Asō ha affermato che non vi era alcuna intenzione di ridurre al 20% l’imposta sulle criptovalute.

“Su 1900 trilioni di yen [17,6 miliardi di dollari] di attività finanziarie detenute dalle famiglie in Giappone, circa 900 trilioni di yen [8,4 miliardi di dollari] sono ora detenuti come depositi in contanti e questo è anormale.” Come affermato.

Mentre l’industria locale della valuta digitale sta facendo passi da gigante, molte aziende e persone fanno ancora affidamento sui contanti. Nonostante il Giappone sia il luogo di nascita della criptovaluta, è stata una sfida incoraggiare i venture capitalist giapponesi a investire i loro soldi in valuta digitale. Questo è presumibilmente il motivo per cui non è necessario modificare le aliquote fiscali della criptovaluta.

Il Giappone attualmente classifica le entrate in valuta digitale attraverso transazioni, mining e prestiti come entrate varie – e attualmente applica un’aliquota fiscale fino al 55%. Al contrario, un’aliquota d’imposta fissa del 20% viene imposta agli utili degli stock.

Il paese ha rafforzato il controllo regolamentare sulla valuta digitale introducendo modifiche al Financial Production Transaction Act (FIEA) e al Payment Service Act (PSA). Tali modifiche sono entrate in vigore all’inizio di maggio.

Attraverso questa legislazione, il governo giapponese ha cambiato il nome di criptovalute in “criptovalute”. Hanno anche abbassato la leva di trading sul margine delle criptovalute da 4x a 2x.

Il Giappone è uno dei pochi paesi che hanno adottato misure proattive per sviluppare il proprio settore di criptovaluta. La banca centrale del paese sta inoltre esaminando la possibilità di lanciare una propria valuta digitale. Coinidol, ha riportato in che modo la Banca del Giappone ha già avviato ricerche sul potenziale per il lancio del proprio CBDC.

Nel febbraio di quest’anno, la Banca del Giappone ha pubblicato un rapporto che indica che l’emissione e la circolazione di CBDC possono innescare altri aspetti importanti della struttura monetaria e dell’economia, come l’intermediazione dei fondi degli istituti bancari e il meccanismo di trasmissione della politica fiscale .

Per mitigare questo, i regolatori finanziari giapponesi stanno continuando a riconsiderare il rilassamento di alcuni ostacoli come le politiche fiscali e il livellamento del terreno per aumentare l’adozione di massa di criptovalute e tecnologie blockchain da parte dei cittadini giapponesi.