Home > News > Il prezzo di XRP si arresta in modo anomalo in seguito all’airdrop di Spark

Il prezzo di XRP si arresta in modo anomalo in seguito all’airdrop di Spark

La snapshot per l’imminente airdrop del token Spark – nativo di Flare – è avvenuta sabato a mezzanotte

Flare è una rete distribuita che può essere utilizzata per creare ponti a due vie tra reti, come Ethereum e XRP Ledger (XRPL), una rete globale di pagamenti e cambi. Flare utilizza il meccanismo di consenso Avalanche ed è la prima rete completa di Turing Federated Byzantine Agreement (FBA) al mondo. Ciò significa sostanzialmente che Flare non si basa su meccanismi economici come Proof of Stake (PoS) per mantenere la sicurezza della rete.

Il token nativo della rete Flare si chiama Spark (FLR) e può essere utilizzato per prevenire attacchi di spam, partecipare alla governance del protocollo, fornire dati a un oracolo on-chain e come collaterale all’interno di applicazioni decentralizzate (Dapps).

Flare ha annunciato all’inizio di quest’anno che 45 miliardi di token Spark sarebbero stati trasmessi ai possessori di XRP, escluso Ripple Labs, con un rapporto di circa 1:1. Più di 100 exchange e wallet stanno partecipando all’airdrop, tra cui Binance, Bithumb, Bitfinex, Exodus e Ledger. Coinbase ha anche annunciato il proprio supporto una settimana fa.

La distribuzione dei token Spark sarà basata sui saldi XRP al momento della snapshot, che è stata scattata alle 00:00 UTC del 12 dicembre, una data scelta per commemorare la nascita di Martha Coston che ha inventato un sistema di segnalazione, e da cui prende il nome il testnet di Flare.

A seguito della snapshot, il prezzo di XRP è crollato, probabilmente a causa di molte persone che lo avevano tenuto solo per beneficiare dell’airdrop che lo vendeva immediatamente. In effetti, la piattaforma di analisi on-chain Santiment ha twittato venerdì che il numero di indirizzi XRP con più di 10 milioni di token era salito al massimo storico alla vigilia dell’istantanea.

Nelle 15 ore successive alla mezzanotte di sabato, il prezzo di XRP è sceso di circa il 15% su Coinbase da $0,5718 a $0,4857. Il prezzo si è leggermente stabilizzato da allora e potrebbe trarne vantaggio a lungo termine poiché l’imminente utility fork di Flare è destinata a riportare valore alla catena originale. Flare porterà contratti intelligenti a XRP, così come la possibilità di creare una pipeline senza fiducia per altri blockchain.

I titolari di XRP per autoconsumo possono ancora richiedere Spark fino alla scadenza dell’11 giugno 2021, dopodiché qualsiasi Spark non reclamato verrà bruciato. I token trasmessi verranno distribuiti quando Flare Network sarà attivo, previsto entro il primo e il secondo trimestre del 2021.

Etichette: