Il Regolatore Brasiliano Riconsidera Le Indagini Sui Conti Bancari Della Società Di Crittografia

Il CADE sta esaminando casi in cui le banche hanno chiuso ingiustamente i conti degli scambi di criptovalute.

Speaker in front of Brazilian flag
Brazil leads Latin America in the adoption of cryptocurrency.

Il Consiglio amministrativo brasiliano per la difesa economica (CADE) ha votato per riaprire un’indagine sulla chiusura dei conti degli scambi di criptovalute da parte delle banche del paese.

Alcuni dei finanziatori che sono tornati sotto la sonda sono i seguenti:

  • Banco Santander Brasil
  • Banco Bradesco
  • Banco do Brasil
  • Itau Unibanco Holding
  • Banco Inter e Sicredi

Il CADE, che è un ente antitrust e di concorrenza locale, ha iniziato a indagare su sei delle maggiori banche del paese nel 2018 dopo aver sospeso i conti appartenenti a società di criptovalute senza alcuna spiegazione e poi rifiutato di discutere la decisione.

Il CADE ha inoltre avviato l’indagine dopo una denuncia da parte di Bitcoin Max, uno scambio di criptovaluta che ha chiuso i suoi conti bancari senza ulteriori spiegazioni da parte del Banco do Brasil e del Banco Santander.

Sebbene i risultati dell’indagine iniziale non siano ancora stati resi pubblici, il CADE ha accusato le banche locali di negare agli scambi di criptovaluta l’accesso richiesto ai servizi bancari di base. Nelle loro parole, le banche “imponevano restrizioni o addirittura vietavano l’accesso al sistema finanziario da parte di intermediari di criptovaluta”.

Le banche hanno negato queste accuse ed espresso le preoccupazioni riguardo alle attività illecite come la ragione principale per rifiutare l’accesso, affermando che i conti bancari di proprietà di questi scambi di criptovalute sono stati chiusi come misura di sicurezza preventiva al riciclaggio di denaro.

Il tribunale federale brasiliano ha ordinato la riapertura dei conti bancari di Bitcoin Max, avvertendo che avrebbero emesso multe alle banche che non si sarebbero conformate alla loro sentenza. Il tribunale informa che invece di negare completamente i servizi bancari alle criptovalute, le banche devono esaminare ogni conto e analizzare la probabilità di impegnarsi in attività illecite.

I brasiliani si sono dati da fare con le criptovalute, rendendo il paese vivace con le attività di trading e di investimento. Il Brasile sta attualmente guidando le normative e gli sviluppi dell’America Latina per le criptovalute; tuttavia, ha qualche difficoltà a mantenere questo status, in quanto la Securities and Exchange Commission del Brasile (CVM) ha vietato ai fondi di investimento regolamentati di negoziare nella classe di attività virtuali.

Tuttavia, il paese ha senza dubbio fatto passi significativi verso l’accoglienza delle criptovalute. L’anno scorso, il parlamento nazionale ha istituito una commissione per gestire la regolamentazione della criptovaluta.