Home > News > Il regolatore della Corea del Sud vieterà le monete sulla privacy dagli scambi

Il regolatore della Corea del Sud vieterà le monete sulla privacy dagli scambi

4 November, 2020 By Lacie-Mae Durham

Gli scambi di criptovaluta locali non saranno autorizzati a gestire privacy coins da marzo 2021 in poi

La Commissione per i servizi finanziari della Corea del Sud (FSC) ha annunciato ieri che i fornitori di asset virtuali, situati nel paese, non saranno più autorizzati a gestire risorse digitali che presentano un alto rischio di riciclaggio di denaro.

Questi aggiornamenti sono stati pubblicati come parte delle linee guida dello Special Payment Act, un regolamento che si concentra sulla legalità delle criptovalute in Corea del Sud. La Financial Intelligence Unit (FIU) ha chiamato in particolare le “dark coins”, che sono criptovalute orientate alla privacy con registrazioni delle transazioni che rendono difficile la tracciabilità della FIU. Ciò potrebbe avere un effetto sull’utilizzo di monete sulla privacy, come Zcash (ZEC), Monero (XMR) e Dash (DASH).

Le modifiche apportate dal watchdog finanziario allo Special Payment Act dovrebbero essere applicate subito a marzo 2021. La legge crypto richiede che gli scambi nel paese inizino a impiegare sufficienti politiche Know Your Customer (KYC) e antiriciclaggio (AML) . Sono inoltre obbligati a segnalare le loro operazioni entro sei mesi dall’attuazione della legge.

Oltre a non gestire le privacy coin, i fornitori di servizi di asset virtuali devono confermare i nomi reali dei loro clienti autenticandoli rispetto ai dati personali, come i numeri di identità nazionali.

Molti scambi di criptovaluta con sede in Corea del Sud non elencano le privacy coins a causa delle normative internazionali esistenti. Nel settembre 2019, la filiale sudcoreana di OKEx ha rimosso ZEC, XMR, Dash, Horizen (ZEN) e Super Bitcoin (SBTC), a causa delle linee guida stabilite dalla Financial Action Task Force (FATF). Upbit, uno scambio di criptovalute locale, ha annunciato nello stesso mese che avrebbe smesso di fornire supporto commerciale per le tre criptovalute incentrate sulla privacy (ZEC, XMR e Dash).

Il mese scorso, Internet era in fermento su quale entità avrebbe dovuto assumersi la responsabilità di contrastare gli hacker nordcoreani che prendono di mira gli scambi di criptovaluta sudcoreani. Il 23 ottobre la FCS ha risposto a un’inchiesta scritta della Commissione per gli affari politici dell’Assemblea nazionale dell’AS, affermando di non essere responsabile delle criptovalute rubate durante gli attacchi di hacker sponsorizzati dal regime di Kim Jong-un.

Il watchdog ha dichiarato che gli scambi di criptovalute non rientrano nella loro giurisdizione e ha trasmesso la responsabilità al Ministero degli affari esteri e alla Korea Communications Commission (KCC).

Il segretario del partito di opposizione del Comitato per gli affari politici dell’Assemblea nazionale dell’AS, il rappresentante Seong Il-jong, ha ricordato all’FSC che “con l’approvazione della legge sulla criptovaluta sudcoreana rivista, tutte le questioni relative alle criptovalute sono diventate compito della Commissione per i servizi finanziari”.