Il tribunale cinese chiede maggiori diritti di proprietà relativi alle criptomonete

La Corte Suprema cinese ritiene che le leggi sulla proprietà relative alle valute digitali debbano essere rafforzate

Immagine della bilancia della giustizia con bandiera cinese sullo sfondo
Il crescente riconoscimento delle criptovalute come proprietà richiede anche un rafforzamento delle normative.

Ieri, la Corte suprema cinese ha pubblicato un documento che sottolineava la necessità di rafforzare la protezione dei diritti di proprietà, in particolare su “valuta digitale, proprietà virtuale della rete e dati.”

Il documento, intitolato: “Opinioni della Corte suprema del popolo e della Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme sulla fornitura di servizi giudiziari e garanzie per accelerare il miglioramento del sistema economico del mercato socialista nella nuova era”, ha dichiarato l’intenzione di penalizzare “l’uso del potere pubblico di violare i diritti di proprietà privata, il sequestro illegale e il congelamento della proprietà di impresa privata”.

Incoraggia inoltre il miglioramento della gestione e della supervisione degli asset.

Inoltre, il tribunale chiede anche la punizione di ogni tipo di violazione per i diritti di proprietà, incluso l’appropriazione indebita e la vendita di beni pubblici e di proprietà dello Stato.

La Cina ha costantemente lavorato al riconoscimento e all’integrazione tradizionali delle criptovalute e delle sue tecnologie correlate. Lo yuan digitale, la sua versione di una valuta digitale della banca centrale (CBDC), è in fase di sviluppo dal 2014.

Quest’anno, la Banca popolare cinese (PBOC) ha permesso di testare lo yuan digitale in diverse società di alto profilo all’interno del paese. Esempi di aziende che partecipano al suo lancio morbido, o che stanno cercando di collaborare, includono DiDi Chuxingi, la versione cinese di Uber, Meituan-Dianping; un sito Web per l’acquisto di un gruppo cinese, Bilibili un sito Web di condivisione video e il proprietario della rete di social media TikTok, ByteDance.

Si dice anche che catene alimentari internazionali come McDonald’s, Starbucks e Subway siano interessate a provare lo yuan digitale.

Inoltre, anche quattro banche commerciali e tre giganti delle telecomunicazioni stanno lavorando per testare il CBDC.

Lo scorso maggio, il paese ha anche approvato un codice civile che espande la portata dei diritti di eredità per includere criptovalute. Ciò significa che le criptovalute ereditate sono ora protette dalla nuova legge.

Diversi tribunali cinesi hanno anche stabilito che Ethereum e Bitcoin sono ora proprietà protette dalla legge.

Xinhua News ha riferito che il nuovo codice civile “afferma che i diritti di proprietà delle persone sono egualmente salvaguardati da quelli dello Stato e collettivi, e anche i beni virtuali online sono protetti”.

Al di fuori della Cina, un tribunale olandese ha anche stabilito che Bitcoin era un “valore trasferibile” ai sensi della legge sulla proprietà nel corso di un caso di fallimento che si è verificato nel 2018.

Nel frattempo, altre giurisdizioni considerano le criptovalute come una forma di denaro. Il Giappone ha riconosciuto le valute digitali come moneta a partire da maggio 2016 e, nello stato del Wyoming, gli Stati Uniti hanno approvato un disegno di legge che ha consentito alle criptovalute di essere riconosciute come moneta nel 2019.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading