Il Venezuela blocca gli scambi Coinbase e Mercadolar

Le due piattaforme di scambio di criptovalute sono inaccessibili dall’8 settembre nel paese sudamericano

Immagine della bandiera del Venezuela con bitcoin in primo piano
Le tensioni politiche sembrano aver influenzato anche il funzionamento di exchange selezionati di criptovalute

Secondo Venezuela Inteligente, un gruppo di difesa dei diritti digitali con sede in Venezuela, il governo nazionale ha bloccato l’accesso degli utenti a due piattaforme di cambio valuta.

Venezuela Inteligente ha affermato che ciò è stato scoperto martedì sera tardi e, sebbene non sia stato fornito alcun obiettivo o risultato chiaro dietro l’azione, i fornitori di servizi Internet (ISP) hanno partecipato alla mossa per bloccare l’accesso.

Le due piattaforme di cambio valuta in questione sono l’exchange di criptovalute statunitense Coinbase e la piattaforma di rimesse fiat MercaDolar.

Andres E Azpurua, direttore del Venezuela Inteligente, ha rivelato che questo è accaduto in passato.

“Il Venezuela ha una storia di blocco delle piattaforme di scambio. Soprattutto quelle utilizzate per scambiare valuta locale con valuta estera”, ha spiegato.

“Fino ad ora, sono state tutte rimosse”, ha aggiunto Azpurua.

Il direttore ha osservato che la mossa del governo per bloccare l’accesso a Coinbase “lo infastidisce in modo particolare”, dal momento che ci sono più scambi di criptovalute che sono attualmente accessibili ai cittadini venezuelani. Al momento non è chiaro il motivo per cui sia stato scelto Coinbase in particolare.

Prima di questo incidente, gli ISP venezuelani hanno bloccato l’accesso a due principali reti private virtuali (VPN), Tunnelbear e Psiphon, il 28 agosto. Tuttavia, ciò non ha avuto un impatto significativo sulla loro funzionalità.

Il Paese sta attualmente vivendo una forte tensione politica a seguito dell’annuncio del presidente ad interim autoproclamato Juan Guaido su un “patto unitario”. Una coalizione di partiti sostiene la sua attuazione e chiede una maggiore pressione internazionale contro Maduro in vista delle elezioni del Congresso a dicembre.

Azpurua ha sottolineato che il tentativo di controllare chi riceve finanziamenti in un clima così politicamente carico potrebbe essere una delle possibili ragioni per questi blocchi ISP.

I residenti venezuelani si sono rivolti a Bitcoin (BTC) come rifugio sulla scia dell’iperinflazione. Secondo un rapporto di Chainalysis, la maggior parte si impegna in scambi peer-to-peer (P2P) come Paxful e LocalBitcoins. Tuttavia, gli scambi approvati dal governo non sono così ampiamente utilizzati.

Il mese scorso è stato anche riferito che il Consiglio dei sindaci bolivariani ha firmato domenica l’accordo di armonizzazione fiscale nazionale del Venezuela. Questo pone la criptovaluta Petro come unità di conto per il pagamento di tasse e multe in 305 comuni.

Il vicepresidente Delcy Rodriguez ha definito l’accordo “storico”.

“Questo accordo di armonizzazione fiscale, che abbiamo raggiunto dopo un grande dibattito tra i 305 sindaci bolivariani, è un evento senza precedenti nel nostro paese”, ha detto il sindaco Erika Farias.

Il Venezuela è composto da 335 comuni che sono stati incorporati in 23 stati e nel distretto della capitale.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading