Home > News > Il volume degli exchange decentralizzati a gennaio 2021 tocca i 50 mld USD

Il volume degli exchange decentralizzati a gennaio 2021 tocca i 50 mld USD

Il volume di trading sulle piattaforme degli exchange decentralizzati (DEX) supera i 50 miliardi di dollari per la prima volta

Il mese scorso gli exchange decentralizzati hanno stabilito un nuovo record superando per la prima volta la soglia dei 50 miliardi di dollari scambiati. Il record precedente era di 26 miliardi di dollari fatto registrare nel mese di settembre 2020.

Secondo Dune Analytics, il volume medio di scambio sui DEX è stato di 55,8 miliardi di dollari a gennaio, rispetto ai 23,5 miliardi di dollari registrati il mese precedente. Gli exchange di criptovalute decentralizzati stanno registrando un massiccio volume di scambi in quanto sempre più persone preferiscono transare in un ambiente cripto-nativo.

La privacy e la sicurezza offerte dagli exchange decentralizzati sono superiori a quelle dei normali scambi centralizzati, il che ha convinto alcuni trader e investitori a cambiare. Jack Purdy, analista di finanza decentralizzata di Messari, ritiene che la tendenza continuerà probabilmente man mano che gli scambi decentralizzati diventeranno più liquidi e l’esperienza dell’utente migliorerà eguagliando gli scambi centralizzati.

Uniswap rimane il leader nel settore degli exchange decentralizzati, rappresentando oltre il 45% dell’intero volume di scambio. Dune Analytics ha rivelato che Uniswap da sola ha registrato 25,9 miliardi di dollari di volumi di scambio il mese scorso. Sushiswap è arrivato secondo, rappresentando il 22% del volume di scambio dopo aver registrato 12,2 miliardi di dollari lo scorso mese.

Rally dei token di scambio a gennaio

Il massiccio volume di trading degli exchange decentralizzati fa parte di una più ampia impennata del volume di trading per gli exchange di criptovalute. Nuovi dati mostrano che gli exchange token hanno raggiunto nuovi massimi storici la scorsa settimana, mentre i trader di azioni si avventurano nel mercato delle criptovalute dopo la saga di GameStop.

La maggior parte dei trader al dettaglio sono frustrati per le recenti restrizioni sull’acquisto di azioni presso piattaforme di trading come Robinhood e ora stanno rivolgendo la loro attenzione agli scambi decentralizzati e centralizzati. Questo ha contribuito nel spingere i prezzi degli exchange token più in alto, tanto che hanno stabilito nuovi massimi storici grazie ai massicci volumi di scambio.

Secondo i dati di Skew, i volumi di scambio dei futures di Bitcoin su Binance e FTX sono aumentati durante il fine settimana. La moneta nativa BNB di Binance ha raggiunto un nuovo massimo storico a 50,27 dollari ieri, e il CEO di Binance Changpeng Zhao ha fatto notare la cosa con un tweet. Anche il token FTT di FTX ha raggiunto venerdì un nuovo prezzo massimo a 12,95 dollari, grazie al fatto che entrambi i token godono dell’attenzione di più trader e investitori.

I token Uniswap (UNI) e SushiSwap hanno entrambi superato i loro record di prezzo precedenti durante il fine settimana. I trader retail attualmente guidano i volumi di scambio sugli exchange decentralizzati, infatti la domanda sulle piattaforme di trading private e sicure aumenta.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.