Home > News > In Marocco gli acquisti del Bitcoin salgono alle stelle nonostante il divieto

In Marocco gli acquisti del Bitcoin salgono alle stelle nonostante il divieto

I marocchini investono attivamente e pesantemente in bitcoin nonostante il paese abbia vietato le attività di trading di criptovalute tre anni fa

In Marocco le piattaforme di scambio peer-to-peer (P2P) sperimentano un numero record di acquisti di bitcoin. Questo avviene nonostante il governo abbia vietato le attività di trading con le criptovalute nel paese.

Nel novembre del 2017 l’ufficio di cambio del Marocco ha detto ai cittadini che le transazioni in criptovaluta sono contro le normative sul cambio. Come tali erano soggette a multe e sanzioni. La decisione ha reso più difficile per i marocchini comprare e vendere bitcoin e le altre criptovalute.

La maggior parte dei marocchini, tuttavia, si è rivolta a piattaforme di trading Peer-to-Peer (P2P) come LocalBitcoins. La piattaforma attualmente sperimenta il massimo storico di trading nel paese nordafricano mentre bitcoin e altre criptovalute continuano il loro rally sui mercati.

Il capo marketing di LocalBitcoins, Jukka Blomberg, ha rivelato che la piattaforma ha vissuto il suo miglior mese di sempre a febbraio. Blomberg ha dichiarato che il mese scorso, solo in Marocco, su LocalBitcoins sono stati scambiati circa 900.000 dollari in bitcoin. La piattaforma P2P ha registrato anche un’impennata del 30% nella registrazione di nuovi utenti tra il 2019 e il 2020. Nel complesso, LocalBitcoins ha aggiunto 700 nuovi account in quel periodo.

Nel periodo di divieto delle criptovalute in Marocco, da novembre 2017 a febbraio 2021, i volumi di scambio su LocalBitcoins sono aumentati di oltre il 215%. L’attuale rally iniziato l’anno scorso ha spinto la domanda di bitcoin e di altre criptovalute a livello globale. Più persone hanno iniziato a considerare il bitcoin come un asset e una copertura contro l’inflazione e vogliono ottenere un’esposizione alla criptovaluta.

Insaf Nori, Middle East community manager della società di criptovalute Decred, ha riferito che i marocchini sono stati spinti verso le criptovalute dalla loro curiosità e dal desiderio di autonomia finanziaria.

La storia è simile a ciò che sta accadendo in Nigeria, la più grande economia dell’Africa. La Banca Centrale della Nigeria (CBN) ha vietato alle banche di fornire servizi finanziari alle società operanti nel settore delle criptovalute, rendendo così più difficile per i nigeriani comprare e vendere cripto.

Tuttavia, i nigeriani si sono rivolti a piattaforme P2P come Paxful, LocalBitcoins e persino Binance. Prima della decisione della CBN, la Nigeria era il secondo più grande mercato bitcoin al mondo dietro gli Stati Uniti. I nigeriani hanno comunque trovato il modo di comprare le criptovalute, mentre l’inflazione crescente e la costante svalutazione della Naira rendono le cose più difficili per la gente.

Etichette: