Investitori hanno paura delle chiavi crittografiche private, acrobazie della crypto crescita: lo dice KPMG

Se la finanza istituzionale deve entrare nel business delle criptovalute, le chiavi private hanno bisogno di custodi per garantire la sicurezza degli investitori, scrive una società di revisione.

 

Crypto private keys stunt growth
Alcuni suggeriscono che delle volte l’azione ribassista dei prezzi sia causata dagli hacker che vendono i bitcoin rubati inondando così il mercato e i prezzi crollano. Di Kulos/Shuttersock.com.

 

Il mercato delle criptovalute deve sviluppare soluzioni più sicure per conservare gli asset criptografici e conquistare gli investitori istituzionali, lo afferma un report della KPMG. La società di consulenza afferma che le chiavi private usate per accedere ai wallet degli utenti potrebbero avere un difetto di sicurezza fondamentale:

Gli investitori istituzionali specialmente non correrebbero il rischio di possedere crypto asset se sapessero che il loro investimento non verrà salvaguardato allo stesso modo del denaro contante, delle azioni e delle obbligazioni”.

Perdere la chiave privata di un wallet comporta che i fondi diventano inaccessibili. Molti “hodler” hanno perso milioni di dollari dopo aver smarrito la chiave di accesso alle proprie criptovalute. In un caso in particolare, la morte del CEO dell’exchange canadese avvenuta lo scorso anno ha comportato la perdita di circa 145 milioni di USD.

Lo studio di KPMG propone che le chiavi private siano affidate a Custodi istituzionali che mettano gli investitori al riparo dalle perdite. Ciò potrebbe potenzialmente acquietare alcuni possessori che hanno perduto le loro chiavi, anche se la soluzione proposta significherebbe un ritorno alla centralizzazione degli asset finanziari, così come è nel rapporto tra le banche e i nostri fondi in valuta fiat.

Questo argomento fa aumentare il dibattito riguardo la funzione delle criptovalute. Secondo alcuni una cassetta di sicurezza tradizionale dove conservare le chiavi private potrebbe essere più sicuro di un servizio di custodia che controlla gli asset digitali. Gli strumenti al portatore come il contante, le obbligazioni e più recentemente le criptomonete, sono di proprietà di chi possiede fisicamente l’asset (o le chiavi private). Ha senso affidare a un depositario il denaro contante – piuttosto che sotto il materasso – per scongiurare i casi di smarrimento o di furto. Ma i titoli al portatore e le crypto key possono valere fortune immense, e possono richiedere anche solo un luogo sicuro dove essere depositati.

Ad ogni modo, il problema posto da KPMG è certamente una questione da risolvere. Circa 9,8 miliardi di USD sono stati rubati dagli hacker dal 2017, portando molti a temere per la resilienza a lungo termine della crescita del settore se non troverà una soluzione. L’uso di cold wallet, cioè portafogli non connessi a Internet e la distribuzione degli asset degli investitori su numerosi wallet, potrebbero essere metodi più sicuri di proteggere gli asset degli investitori dagli hacker. In pratica, le uova (monete) non vanno messe tutte nello stesso paniere.

Quali asset sono stati rubati dagli hacker? Nel caso del bitcoin ci sono alcune ipotesi secondo cui in alcuni casi i prezzi calino perché gli hacker vendono i BTC rubati, inondando così il mercato e facendo crollare il prezzo. Ipotesi apparsa per l’hacking di Bitrue lo scorso anno.

Gli exchange hanno risposto rapidamente all’hacking di Bitrue offrendo assicurazione su come saranno gestiti certi casi in futuro. Binance ha sviluppato un sistema antifrode, una misura possibile grazie alla blockchain che permette di identificare e bloccare i bitcoin rubati.

Con la proliferazione dei crypto-asset – scrive KPMG nello studio –, “i servizi di custodia hanno una enorme opportunità di fare profitti – sia guadagnando dalle commissioni di gestione per l’erogazione di semplici servizi di custodia, sia offrendo servizi accessori all’emergente ecosistema delle criptovalute.

La proposta di KPMG potrebbe mettere alcuni investitori a proprio agio, ma allontanerà quanti diffidano nel voler consegnare le proprie chiavi private a terzi quando possono trovare modi personali di conservarle da sé stessi.