Jack Dorsey afferma che il CEO di Coinbase non dovrebbe essere apolitico

Il CEO di Twitter ritiene che lo scambio di criptovalute dovrebbe riconoscere la sua posizione di entità politica

Immagine del CEO di Twitter, Jack Dorsey
Dorsey ha twittato che Armstrong dovrebbe riconoscere altri problemi sociali che i suoi clienti devono affrontare

Jack Dorsey, CEO del gigante dei social media Twitter, ha recentemente espresso la sua disapprovazione per la decisione del CEO di Coinbase Brian Armstrong di allontanare la sua azienda dall’attivismo corporativo.

Ha condiviso il tweet di Armstrong, affermando che il bitcoin e le criptovalute funzionavano di per sé come una forma diretta di attivismo “contro un sistema finanziario non verificabile ed escludente che influisce negativamente su gran parte della nostra società”.

“Importante per riconoscere * almeno * e collegare i problemi sociali correlati che i tuoi clienti affrontano quotidianamente.” ha concluso.

Come scambio di criptovaluta, Dorsey implica che Coinbase sta assumendo una posizione diretta su una questione sociale per impostazione predefinita.

In una lettera aperta, pubblicata sul blog dell’azienda lo scorso lunedì 28 settembre, Armstrong ha dichiarato che la sua azienda aveva una “cultura apolitica” e voleva concentrarsi maggiormente sulla creazione di una “squadra vincente”. Ha spiegato che sebbene l’attivismo avesse buone intenzioni, aveva il potenziale per diventare una distrazione e creare divisione interna.

Armstrong ha aggiunto che l’attivismo su questioni che non facevano parte della missione principale dell’azienda “andava contro i loro principi di inclusione e appartenenza”, spiegando che la molteplicità di background e punti di vista all’interno dell’azienda avrebbe reso impossibile per tutti concordare all’unanimità ciò che costituisce come problema e come risolverlo.

Armstrong ha inoltre spiegato che la sua azienda si concentrerà esclusivamente sulla creazione di un sistema finanziario aperto per il mondo. L’obiettivo della società sarebbe lavorare verso strade che aprissero più opportunità per fornire parità di accesso a tutte le persone, ma non tentasse di “risolvere tutte le forme di disuguaglianza nel mondo”.

“Continueremo a costruire i prodotti finanziari più affidabili e facili da usare che aiutano le persone ad accedere alla criptoeconomia, in modo che tutti possano ottenere i vantaggi di questa nuova tecnologia e noi possiamo portare più libertà economica nel mondo”.

Dopo che la lettera è stata pubblicata sul suo blog, Armstrong ha rilasciato un promemoria a livello aziendale che informava i dipendenti che se non erano d’accordo con la politica, potevano invece scegliere di prendere un “generoso” pacchetto di fine rapporto.

L’amministratore delegato ha affermato che i dipendenti hanno tempo fino al 7 ottobre per presentare un modulo che avvierà il loro licenziamento se lo sceglieranno. Oltre questa data, la lettera ha spiegato che si presume che tutti quelli che rimangono in azienda siano d’accordo con la direzione che Coinbase ha scelto di prendere.

“Non significa che devi essere d’accordo con ogni aspetto, ma essere quantomeno in grado di impegnarti a rendere questa nuova direzione un successo”. Armstrong ha detto.