La Banca Centrale del Canada Pubblica uno Studio sulla Privacy dei CBDC

La ricerca condotta dalla Bank of Canada discute le aree grigie tra divulgazione e privacy

Banca del Canada
Il documento conclude che quando si tratta di privacy, i dispositivi offline sono più vicini a raggiungere gli stessi livelli di quelli in contanti

La Central Bank of Canada ha rilasciato una nota analitica del personale che esplora il concetto di privacy per le valute digitali della banca centrale (CBDC). Ha inoltre presentato una descrizione dei vantaggi e degli svantaggi delle prove a conoscenza zero.

Gran parte del documento esamina i compromessi tra la privacy, che è percepita come un bene pubblico e la necessità di divulgare le informazioni come richiesto dalle normative locali. Esplora anche le complessità della realizzazione dell’intera operazione; vale a dire, per fornire un sistema di pagamento che includa diverse tecnologie, una miriade di attori su tutta la linea e diversi aspetti delle informazioni. Le possibili funzionalità di privacy per i CBDC vengono analizzate in queste tre dimensioni.

Le tecnologie coinvolte nella sua implementazione possono includere la tecnologia di contabilità distribuita (DLT), un sistema centralizzato, carte e dispositivi offline che vengono utilizzati per l’archiviazione, ognuno con diverse funzionalità di privacy da offrire.

I sistemi di pagamento si riferiscono a interi ecosistemi in cui la banca centrale è solo un giocatore. Altri sistemi possono includere fornitori di servizi di pagamento per il pagatore, banche, società di servizi monetari e commercianti. Il documento esplora la profondità per la privacy o la divulgazione come richiesto da ciascun giocatore.

Sono stati inoltre indicati i tipi di informazioni che vengono prese in considerazione nel documento. Oltre alla quantità di denaro nei saldi, è attualmente in discussione la rivelazione dell’identità del titolare. Per le transazioni, il documento esamina la necessità di rivelare o trattenere il pagatore, il beneficiario e l’importo.

La conclusione offerta dal documento è che i dispositivi offline offrono un livello di privacy più vicino alla valuta legale. Mentre i registri a più livelli offrono un elevato livello di privacy quando si tratta di fornitori di servizi di pagamento e pubblico, mentre per quanto riguarda la privacy con le società di servizi monetari e il governo c’è ancora molta strada da fare.

Sebbene i commenti del documento sulla mancanza di privacy riguardino tutte le tecnologie, hanno effettivamente individuato prove a conoscenza zero (ZKP), affermando che esiste un pool limitato di competenze e che potrebbero esserci vulnerabilità nascoste a causa della combinazione di complessità tecnica e immaturità.

“Nessuna nota implementazione è stata ampliata a una popolazione nazionale. Il rischio, in questo caso, sono gli ostacoli tecnici sconosciuti nell’applicazione di queste tecniche alla popolazione canadese e oltre per usi futuri, come i micropagamenti agli endpoint dell’internet delle cose “, recita il documento.