La Banca di Russia mantiene la sua posizione contraria in materia di criptovalute

La banca centrale russa rimane ferma nella sua posizione secondo cui gli acquisti di criptovalute non sono investimenti e sono invece condotte per attività criminali

L'edificio della Banca centrale della Russia
Nonostante la cauta incursione del governo nell’industria delle criptovalute, la Banca di Russia rimane diffidente riguardo le criptovalute

La Russia non è certa della sua posizione ufficiale sulle criptovalute, poiché la banca centrale del paese rimane irremovibile nel trattare l’industria come un qualcosa di criminale.

A febbraio, la banca ha pubblicato una serie di regole per le transazioni sospette e ha classificato qualsiasi transazione relativa alle criptovalute come potenziale rischio di riciclaggio.

Il paese ha recentemente approvato la sua prima importante legislazione sulle criptovalute, intitolata “On Digital Assets” o DFA, il 22 luglio. Garantisce lo status giuridico delle criptovalute e legittima il commercio di criptovalute nel paese. Tuttavia, la criptovaluta come metodo di pagamento rimane proibita.

Il documento nomina la Banca di Russia come un regolatore chiave, autorizzando la banca a definire il tipo di investitori idonei a scambiare prodotti cripto.

Il primo vice governatore della Banca di Russia, Sergei Shvetsov, ha spiegato la posizione della banca nei confronti degli investimenti in criptovalute. Shvetsov ha paragonato le criptovalute a schemi piramidali e giochi di roulette durante un Livestream su Youtube il 28 luglio intitolato: “Nuova legge: cosa cambierà per gli investitori al dettaglio. Trasmissione in diretta con Sergei Shvetsov.”

Durante lo streaming live, Shvetsov ha posto particolare enfasi sulla posizione della Banca di Russia riguardo agli acquisti di criptovalute come investimento.

“La Banca di Russia, in quanto autorità di regolamentazione, aderisce alla posizione secondo cui gli acquisti di criptovalute non sono un investimento. È più simile a una piramide finanziaria o un gioco di roulette e non si applica al mercato finanziario. Il governo o gli intermediari finanziari non dovrebbero incoraggiare i cittadini ad acquisire criptovalute”, ha spiegato Shvetsov.

Shvetsov ha anche affermato che nessuna banca centrale in tutto il mondo supporta questi sostituti di denaro, e ha dichiarato che le criptovalute sono “surrogati del denaro”.

Ha ribadito che le criptovalute sono vietate dalla Costituzione russa e soggette a responsabilità penale.

Shvetsov ha inoltre affermato che le criptovalute come Bitcoin sono il metodo di scelta per attività illecite, come il riciclaggio di denaro. Di conseguenza, non dovrebbero essere supportate dalla banca.

“Le criptovalute vengono anche utilizzate per eludere le normative antiriciclaggio. Pertanto, non supportiamo assolutamente gli investimenti dei cittadini in questo settore criminale.”

Il governo russo sta lavorando al quadro normativo di un’altra nuova legge per l’industria delle criptovalute, intitolata “On Digital Currency”. Ciò mira a colmare le lacune della legge DFA in merito alla regolamentazione effettiva del settore emergente.

A parte la Russia, la Reserve Bank of India (RBI) ha tenuto d’occhio le criptovalute. Tuttavia, alla fine hanno annullato la loro decisione nel marzo 2020 in seguito alla sentenza della Corte Suprema di revocare il divieto dell’RBI.

Le criptovalute rimangono vietate in Myanmar e Zimbabwe.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading