Ultime Notizie

La Bank of America potrebbe presto lavorare con Ripple Inc.

0 Commenti

La seconda banca degli USA, Bank of America, potrebbe presto collaborare con Ripple Inc., a rivelarlo alcune indiscrezioni di stampa non ancora confermate. Come noto, Ripple non è solo la criptovaluta XRP acquistabile nei mercati valutari, ma anche una rete di pagamenti internazionale che opera sulla RippleNet.

Ripple lavora con i governi, le banche e gli istituti finanziari d’ogni parte del mondo per creare una rete di pagamenti, alternativa al circuito SWIFT, più economica e veloce. Il sistema Ripple potrebbe in futuro sostituire o replicare l’attuale sistema dei bonifici internazionali e dei money transfer.

Attualmente in tutto il mondo sono al lavoro team di esperti per implementare i servizi xCurrent e xRapid nelle infrastrutture informatiche delle banche. In Africa, Flutterwave implementa xCurrent per connettere il continente al resto del mondo; la National Bank del Kuwait è pronta a usare la tecnologia Ripple.

A quanto pare anche all’amministrazione del presidente degli USA Donald Trump piace XRP.

Ripple e Bank of America
Rappresentazione di XRP.

La Bank of America e i crypto asset

La Bank of America studia i crypto asset da alcuni anni, in un documento di inizio 2018 vedeva nelle criptovalute un potenziale rischio per l’attuale sistema bancario. Quest’ultimo, secondo Bank of America, è in qualche modo minacciato dai servizi finanziari nati a seguito delle criptovalute.

Ecco allora che la banca americana, anziché chiudersi a riccio, decide di lanciarsi nel cambiamento, stringendo collaborazioni nel settore blockchain e brevettando proprie tecnologie destinate ai crypto asset.

A metà novembre Bank of America ha registrato un brevetto destinato alla conservazione, a prova di manomissione, della chiave privata dei crypto asset di proprietà delle grandi aziende e multinazionali. La soluzione tecnica è rivolta alle grandi aziende che intendono conservare in modo sicuro i fondi in criptovalute loro affidati dai clienti.

Una soluzione centralizzata sì, ma destinata a garantire maggiore sicurezza a quei clienti che preferiscono affidarsi alle grandi istituzioni bancarie e finanziarie, invece di gestire personalmente il portfolio di valute digitali e token.

 

Il valore di Ripple (XRP) oggi

In riferimento al valore di Ripple (XRP) di oggi, da segnalare il consolidamento del secondo posto per capitale di mercato con 16,5 miliardi di USD, nettamente distaccato l’asset ethereum scivolato a 12,8 milioni di USD (fonte dati: coinmarketcap.com).

Il prezzo di XRP resta a , nonostante le forti vendite iniziate il 14 novembre sull’intero comparto delle crittovalute. Un dato che sembra confermare i segnali lanciati da alcuni analisti, per i quali il prezzo di Ripple potrebbe chiudere in rialzo nel 2018.

Bank of America
Bank of America

Ripple come eBay?

Durante Swell 2018 il team Ripple ha intervistato R. J. Pittman chief product officer di eBay. L’intervista è stata l’occasione per fare un parallelismo tra la nascita di eBay come servizio di vendita internazionale che ha tra i primi aperto la strada dei pagamenti transfrontalieri digitali, e quanto oggi Ripple sta facendo per innovare proprio tale servizio di pagamento.

Pittman ha ricordato come la prima asta in assoluto di eBay abbia riguardato la vendita di un puntatore laser tra due privati degli USA e del Canada.

Questa la storia di eBay, qui invece l’infografica con la storia di Ripple.

Featured image : Pexels 

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.