La Corea del Sud considera tassare i profitti delle criptovalute dal prossimo anno

Il prossimo anno il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha proposto di tassare i profitti provenienti dalle criptovalute

Martelletto sulla bandiera sudcoreana
Se le modifiche verranno approvate, la nuova legge entrerà in vigore entro il prossimo anno

Secondo i resoconti dei media locali, la Corea del Sud ha in programma di iniziare a tassare i profitti da Bitcoin e altre criptovalute a partire dal prossimo anno.

La tassazione si applicherà anche alle operazioni di mining di Bitcoin e al reddito derivante dalle offerte di monete iniziali (ICO), se approvato dal parlamento.

Supportato dal Ministero dell’Informazione e della Tecnologia, il Ministero dell’Economia e delle Finanze della Corea del Sud ha proposto le modifiche alla normativa fiscale esistente.

Il ministero presenterà gli emendamenti al Parlamento entro settembre di quest’anno. Una volta approvata, la legge entrerà in vigore entro il 2021. Ciò consentirà alle autorità di tassare gli utili generati dalla vendita di attività digitali per contanti. Gli scambi tra criptovalute rimarranno esenti da imposte, e allo stesso modo quelli venduti in perdita.

“Stiamo rivedendo l’imposta sulle plusvalenze o altre imposte sul reddito, sugli utili conseguiti da investitori nazionali ed esteri nel trasferimento di beni virtuali”, ha dichiarato un rappresentante del Ministero della strategia e delle finanze.

I funzionari hanno affermato che le modifiche pianificate sono state spinte dall’idea di implementare “tasse in cui si trova il reddito”.

In passato, il governo sudcoreano ha tentato di tassare Bitcoin, più recentemente a gennaio. Tuttavia, non sono riusciti a far rispettare completamente le normative. Ciò è dovuto a diversi ministeri del governo incapaci di concordare se Bitcoin fosse o meno un vantaggio.

Gli esperti di criptovaluta locali ritengono che questi emendamenti proposti possano seguire la stessa strada.

Seung Seung-young, un ricercatore del Korea Tax Institute, ha rivelato a E Daily che la legge non è del tutto completa nel suo formato attuale, il che conduce al potenziale sfruttamento da parte degli investitori.

“Se fai affari attraverso una transazione peer-to-peer senza passare attraverso uno scambio, c’è la possibilità di evitare le tasse. Anche con il monitoraggio IP, se ci sono molti target, i costi amministrativi aumenteranno e sarà difficile seguirli ogni giorno “. Ha detto Seung-young.

Il presidente della Korea Blockchain Association, Kim Yong-min, ritiene che potrebbero essere necessari circa 3-4 anni prima che il governo possa creare l’infrastruttura che abbia una comprensione approfondita del funzionamento delle criptovalute.

Di recente, la Divisione per gli insediamenti penali del tribunale del distretto centrale di Seoul ha congelato 15 portafogli di proprietà del presunto gestore del canale Telegram Nth Room, Cho Ju-bin. È stato indagato per la circolazione di materiale pedopornografico e altri contenuti criminali espliciti.

Questo caso di rilievo è anche collegato al traffico di cybersex, al ricatto e alle immagini e ai video di sfruttamento sessuale.