La Corea del Sud è sottoposta a controllo dopo il passaggio alla criptovaluta fiscale

Diversi esperti del paese ritengono che una tassa sulle criptovalute potrebbe danneggiare l’industria emergente

La Sala dell'Assemblea nazionale della Corea del Sud a Seoul
Le leggi sulle criptovalute della Corea del Sud saranno probabilmente modellate su quella del Giappone e degli Stati Uniti.

Gli economisti locali ritengono che il governo sudcoreano dovrebbe astenersi dal prendere “decisioni avventate” quando si tratta di imporre una tassa sulla criptovaluta. Molti ritengono che il regime fiscale potrebbe finire per bloccare l’ulteriore crescita industriale nel mercato emergente della valuta digitale.

Guidati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, le autorità finanziarie della nazione per anni hanno fatto il tira e molla sull’imposizione di tasse sulle valute virtuali, in linea con l’ascesa del Bitcoin in tutto il mondo.

Nel tentativo di concludere le ampie discussioni, il ministero delle finanze ha recentemente deciso di imporre tasse su tutte le transazioni per criptovalute. Il ministro Hong Nam-Ki ha detto giovedì che il governo annuncerà un sistema fiscale riformato a luglio, con dettagli riguardanti la tassazione della criptovaluta.

Sung Tae-Yoon, economista della Yonsei University, ha affermato che per il governo “è prematuro imporre tasse sulla criptovaluta in un momento in cui il mercato non si è sviluppato abbastanza in modo stabile”.

Tae-Yoon ha aggiunto che da un punto di vista economico, le criptovalute non possono essere considerate un bene universale rispetto alle valute di carta tradizionali.

Ha inoltre espresso preoccupazione per il fatto che eventuali rigidi regolamenti o regimi fiscali possano impedire un’ulteriore crescita del mercato globale delle valute digitali.

“Le autorità finanziarie dovrebbero pensarci due volte prima di imporre tasse sul mercato, poiché l’industria della valuta digitale è ancora agli inizi. Qualsiasi tassazione impetuosa o introduzione di regolamenti può essere un ostacolo per la crescita sostenibile del settore.”

Mentre il ministero delle finanze continua a condurre discussioni interne su come il Paese dovrebbe imporre tasse sulle transazioni in criptovaluta, molti credono che l’autorità imponga probabilmente un’imposta sulle plusvalenze sui ricavi generati da transazioni in criptovalute.

Questo rispecchia le controparti del paese dalle principali centrali finanziarie mondiali, come il Giappone e gli Stati Uniti, dove sono imposte le tasse sulle transazioni che coinvolgono Bitcoin e altre criptovalute.

L’introduzione da parte della Corea del Sud del nuovo sistema fiscale arriva nel mezzo di crescenti preoccupazioni sulla solidità fiscale della nazione dopo che il governo ha effettuato il suo terzo giro di bilanci espansivi a causa della crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus.

“Riformando il sistema fiscale quest’anno, prenderemo in considerazione l’introduzione di nuovi tipi di tassazione, come l’imposta digitale”, ha rivelato Nam-ki in una sessione dell’Assemblea nazionale recentemente condotta. L’imposta digitale si riferisce a un altro livello di tassazione imposta all’estero alle società di IT (come Google e Amazon) per le loro attività commerciali online.