La Corea del Sud finalizza l’imposta sulle criptovalute

Un reddito annuo superiore a 2,5 milioni di won (circa $ 2.000) dal trading di criptovalute sarà soggetto a un’imposta del 20%.

L'Assemblea Nazionale della Corea del Sud
Il governo ha discusso l’imposizione di una criptoimposta dall’inizio del 2020

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze della Corea del Sud ha formalmente messo a punto i suoi piani per addebitare un’imposta del 20% sul reddito generato da transazioni in criptovaluta. Le modifiche sono state condotte oggi, stabilendo che un reddito annuo di oltre 2,5 milioni di won (circa $ 2.000) dal trading di criptovalute sarà soggetto a un’imposta del 20%.

Al di sotto di questa fascia di reddito, non ci sarà alcun addebito.

Il ministero ha anche finalizzato la sua classificazione degli utili cripto come “altri redditi” a fini fiscali.

Il codice fiscale rivisto è ancora soggetto all’approvazione parlamentare. Il ministero presenterà il codice all’Assemblea nazionale entro il 3 settembre di quest’anno. Se approvate, le modifiche entreranno in vigore dal 1 ° ottobre 2021.

La Corea del Sud ha discusso della possibilità di applicare le tasse sul reddito derivante dalle criptovalute per sei mesi.

Prima di questo emendamento, la legislazione del paese imponeva un’aliquota del 20% sul 40% degli altri redditi totali, mentre il restante 60% può essere deducibile dalle tasse. Le valute digitali sono anche tassate secondo diversi parametri, con tassi che vanno fino al 42% sotto plusvalenze.

Questo è certamente un passo avanti per la normalizzazione delle criptovalute. Molti governi delle economie sviluppate considerano i rendimenti realizzati sul cripto come una forma di plusvalenze. Questa è un’imposta che viene posta sulla differenza quando un prezzo di vendita supera quello del prezzo di acquisto.

Negli Stati Uniti, il servizio di entrate interne (IRS) ha emesso una guida lo scorso ottobre 2019 che ha collocato le criptovalute come una forma di proprietà, anche quando sono ricevute come una forma di reddito. Le tasse possono andare oltre il 39% se la criptovaluta è detenuta per meno di un anno, a seconda della fascia di reddito di una persona.

Il Regno Unito considera le criptovalute come merci e i detentori devono pagare un’imposta del 20% sulle cessioni che superano £ 12.000 (circa $ 15.600) nell’anno fiscale.

In Giappone, le criptovalute sono trattate come una forma di entrate varie con fasce fiscali fino al 55%.

Al momento della stesura, le modifiche alla criptoimposta della Corea del Sud non includono gli utili generati dalle offerte di monete iniziali (ICO). EDaily, un giornale locale, aveva precedentemente pubblicato che il ministero copriva anche i profitti generati dagli ICO.

Il governo sudcoreano ha iniziato a esplorare l’idea di tassare le criptovalute nel 2017. Tuttavia, non ha adottato le misure necessarie per applicarlo e il governo ha dovuto trattare opinioni contrastanti tra i ministeri sull’opportunità di considerare le criptovalute come un bene.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading