La criptoimposta sudcoreana potrebbe arrivare al 20%

Il governo sta ancora discutendo della possibilità di applicare una tassa sull’industria cripto locale

Immagine dell’Assemblea Nazionale Sudcoreana vuota
Il governo ha lavorato ampiamente sulla regolamentazione delle criptovalute all’interno del paese durante la prima metà del 2020

I resoconti dei media locali rivelano che il parlamento sudcoreano sta esaminando un disegno di legge del settore privato che consente al governo di tassare tutti i profitti realizzati dalle criptovalute.

Questa imposta si applicherà anche alle entrate derivanti dalle offerte di monete iniziali (ICO) e dalle operazioni di estrazione, se approvate dal parlamento.

Anche Yang Kyung-sook, un rappresentante del Partito Democratico, ha presentato un emendamento che classificherebbe le risorse digitali come materie prime, in contrapposizione al loro attuale status di valute.

Questo segue una sentenza del tribunale relativa a Bitcoin, in cui si afferma che mentre le risorse virtuali sono state riconosciute solo in funzione di una valuta, vengono sempre più utilizzate come merci con valore di proprietà.

“Fino ad ora, gli asset virtuali sono stati riconosciuti solo in funzione della valuta e non sono stati soggetti all’imposta sul reddito, ma recentemente gli asset virtuali vengono sempre più scambiati come beni con valore immobiliare. Considerando varie condizioni, come il riconoscimento di beni immateriali con valore di proprietà, la necessità di tassazione e il riconoscimento del valore di proprietà di beni virtuali vengono aumentati contemporaneamente “, afferma la sentenza.

Il governo locale dovrebbe concludere le discussioni sulla tassazione del reddito derivante da transazioni in criptovalute dopo anni di discussioni sulle risorse virtuali.

All’inizio di quest’anno, è stato riferito che il governo sudcoreano stava discutendo l’imposizione di un’aliquota fiscale del 20% sul reddito da criptovalute. Mentre il paese non ha ancora standard fiscali specifici per le criptovalute in atto, il ministero delle finanze ha preso in considerazione la riclassificazione dei rendimenti delle criptovalute in “altri redditi”. Ciò significa che tutti i profitti delle criptovalute sono soggetti a un’imposta del 20%; le stesse aliquote fiscali che si applicano ai vincitori della lotteria.

Un economista dell’Università di Yonsei, Sung Tae-Yoon, ha espresso preoccupazione per il fatto che tassare le criptovalute nel paese potrebbe ostacolare lo sviluppo dell’industria tecnologica locale.

La Corea del Sud è nota per dare il benvenuto agli investimenti, al trading e allo sviluppo locale di criptovalute. Tuttavia, le autorità sono ancora incerte sulla posizione che il paese deve adottare quando si tratta di regolamentare la classe di attività virtuale.

La banca centrale è anche interessata allo sviluppo di una valuta digitale della banca centrale (CBDC); tuttavia, al momento sta adottando un approccio “aspetta e vedi”.

Nel novembre 2019, l’agenzia fiscale della Corea del Sud ha imposto una ritenuta alla fonte di 80,3 miliardi di dollari ($66 milioni di dollari) sul più grande scambio di criptovalute del paese: la Bithumb Korea.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading