La legge sulla conformità della Corea del Sud contraddice le attuali normative

L’attuale legge sulla protezione delle informazioni personali prevede che le aziende locali non possano richiedere i numeri di previdenza sociale

Edificio dell'Assemblea Nazionale, Seoul.
L’emergente industria delle criptovalute richiede definizioni e regolamenti più chiari durante le discussioni sulla nuova legge.

Gli esperti legali esitano a celebrare i preparativi del governo sudcoreano all’implementazione dei processi di conformità know your customer (KYC) e antiriciclaggio (AML), poiché sono state sollevate preoccupazioni in merito alla contraddizione dei requisiti con altre leggi.

Digital Today, un’agenzia di stampa sudcoreana, ha sottolineato che i nuovi requisiti di conformità sarebbero in conflitto con l’attuale legge sulla protezione delle informazioni personali. Questa legge stabilisce che le aziende locali non possono richiedere legalmente i numeri di previdenza sociale.

Questa misura si applica anche agli istituti finanziari. Tuttavia, sono autorizzati a presentare una richiesta in circostanze eccezionali, ad esempio quando è necessario per elaborare importanti operazioni bancarie.

Il media ha anche notato che esiste un’elevata possibilità di conflitti continui con le leggi esistenti, poiché non esiste una definizione chiara per le aziende che gestiscono risorse virtuali, come gli scambi di criptovaluta.

Il disegno di legge, denominato Decreto di applicazione della legge sui pagamenti speciali, dovrebbe iniziare ad essere implementato entro marzo 2021 e richiederà a tutti i fornitori di servizi di asset virtuali di confermare i nomi reali dei clienti, verificandoli utilizzando dati personali, come i loro numeri di previdenza sociale.

Il Financial Information Analysis Institute ha dato il suo contributo sull’ambiguità del prossimo disegno di legge AML-KYC sugli scambi crypto. L’Istituto ha affermato che, poiché un exchange si trova esclusivamente su Internet, non è un istituto finanziario.

“Ciò non significa che gli operatori di asset virtuali ottengano lo status di operatori del settore finanziario o che vengano incorporati in società finanziarie istituzionali, attraverso la revisione dell’applicazione della legge sul denaro speciale”.

Un anonimo funzionario del settore ha espresso la sua speranza che la legalità alla base di tali regolamenti sarà definita in maniera più chiara, per le imprese e per le altre entità a seguire.

“Prima, l’industria del cambio condivideva volontariamente le liste nere per adempiere ai propri obblighi antiriciclaggio, ma c’è stato un tempo in cui l’unificazione delle opinioni non funzionava bene, quindi non era facile. In questi casi, poiché i relativi obblighi sono imposti, mi auguro che la base giuridica per la loro attuazione venga preparata in modo più chiaro a livello delle autorità”.

Le disposizioni della legge sulle criptovalute per consentire agli scambi di emettere account con nomi reali possono danneggiare il settore in crescita. Gli esperti temono che le piccole borse che utilizzano conti a nido d’ape possano essere obbligate a conformarsi o dover uscire dal settore.

Solo quattro grandi scambi di criptovaluta (Upbit, Coinwon, Bithumn e Korbit) sono riusciti a passare ad account con nomi reali.