Home > News > La PBoC chiude 11 società coinvolte nel trading di criptovalute

La PBoC chiude 11 società coinvolte nel trading di criptovalute

La People's Bank of China (PBoC) ha promesso di fare pressione alle società impegnate in attività di trading di criptovalute

La filiale di Shenzhen della People's Bank of China sta aumentando i suoi sforzi per reprimere le attività di trading di criptovalute nella regione. La banca centrale ha affermato di essere impegnata a garantire che le entità aziendali non si impegnino nel commercio di criptovalute.

Secondo un rapporto locale di ieri, la filiale della PBoC di Shenzhen ha chiuso 11 società con l'accusa di essere coinvolte nel commercio di criptovalute e in attività finanziarie. Il rapporto ha sottolineato che la banca aveva stilato un elenco di 46 società che sospetta fossero impegnate nel commercio illegale di criptovalute verso la fine del mese scorso.

La PBoC ha continuato a condurre ulteriori indagini su queste società e ne ha chiuse 11 per aver partecipato ad attività di trading illegale di criptovaluta. La banca ha sottolineato che questi sforzi continueranno, soprattutto nella seconda metà dell'anno.

La People's Bank of China ha represso le attività di trading di criptovalute nel paese negli ultimi anni. Il governo ha vietato alle banche e ad altre istituzioni finanziarie di condurre transazioni con scambi e società di criptovaluta, rendendo quindi praticamente impossibile che gli scambi di criptovaluta operino in Cina.

La PBoC, in una riunione di poche settimane fa, ha affermato di dover intensificare i propri sforzi per garantire che le società cinesi non si impegnino in attività di trading di criptovalute. Le aziende che si dedicano al trading di criptovalute rischiano di essere chiuse dalle autorità.

Gli attacchi della Cina alle criptovalute non sono una novità. Negli ultimi anni, le autorità cinesi hanno vietato le offerte iniziali di monete (ICO), gli scambi di criptovaluta e altri eventi legati alle criptovalute nell'area.

Le autorità hanno fatto un ulteriore passo avanti per rendere quasi impossibile alle aziende minerarie di criptovaluta di operare in Cina. Il governo ha interrotto l'alimentazione elettrica alle fattorie, guidando efficacemente le società minerarie di criptovaluta in altri paesi come il Kazakistan, gli Stati Uniti, la Russia e altri. Con questi rinnovati sforzi, sarà ancora più difficile per le entità aziendali in Cina impegnarsi nel commercio di criptovalute o detenere criptovalute come investimenti.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.