La polizia neozelandese recupera $90 milioni dal conto bancario del fondatore di BTC-e

Alexander Vinnik è attualmente in attesa di processo in Francia ed è probabile che debba affrontare ulteriori accuse statunitensi

Poliziotti della Nuova Zelanda in servizio
Vinnik e la sua compagnia sono sospettati di facilitare l’attività criminale dal 2011

Come parte del prossimo passo nella retata più grande in materia di riciclaggio di denaro del paese, la polizia neozelandese ha sequestrato 140 milioni di NZ $ (circa 90,8 milioni di USD) dai conti bancari sotto il controllo di Alexander Vinnik e della sua società, la Canton Business Corporation.

Vinnik aveva precedentemente gestito BTC-e, la famigerata exchange di criptovaluta. Numerose agenzie internazionali hanno avviato indagini contro la società per la mancanza di controlli e politiche antiriciclaggio (AML).

È stato sospettato di guidare un’organizzazione criminale che, secondo una dichiarazione della polizia, “possiede, opera e gestisce uno dei siti Web di e-crimine leader a livello mondiale” dal 2011.

Si presume che BTC-e abbia incoraggiato un ambiente favorevole sulla sua piattaforma per i criminali a scambiare criptovaluta con valuta fiat, riciclando efficacemente i fondi che hanno ottenuto da una vasta gamma di attività criminali. Ciò include hacking di computer, attacchi di ransomware, furti, frodi, corruzione e reati di droga. Le autorità ritengono che almeno 4 miliardi di dollari di bitcoin siano stati scambiati in borsa.

Quest’ enorme retata, orchestrata dalla polizia della Nuova Zelanda, faceva parte di un’indagine globale contro la exchange a lungo sospettato.

Andrew Coster, il commissario di polizia della Nuova Zelanda, ha dichiarato in una nota stampa che “la polizia della Nuova Zelanda ha lavorato a stretto contatto con il Servizio delle entrate degli Stati Uniti per affrontare questo reato molto grave”.

“È probabile che questi fondi riflettano i profitti ottenuti dalla vittimizzazione di migliaia, se non di centinaia di migliaia, di persone in tutto il mondo a causa della criminalità informatica e della criminalità organizzata”. Coster ha continuato.

Vinnik è stato arrestato per la prima volta in Grecia lo scorso luglio 2017, con un mandato di estradizione dagli Stati Uniti. Tuttavia, a causa di una rissa tra più giurisdizioni per la sua custodia, è finito in Francia lo scorso dicembre.

Molto probabilmente dovrà affrontare un processo in Francia per reati di riciclaggio di denaro e estorsione, nonché ulteriori accuse negli Stati Uniti. Vinnik sta esaminando una pena detentiva massima di 55 anni se ritenuta colpevole.

L’accusa degli Stati Uniti ha rivelato che la società Vinnik, BTC-e, era registrata nelle Isole Seychelles e aveva domini web registrati presso società di comodo in più giurisdizioni.

I fondi che sono stati ottenuti in Nuova Zelanda sono stati recuperati ai sensi del Criminal Proceeds Recovery Act, con un’alta corte che decide cosa accadrà dopo.

“La comunità criminale globale deve comprendere il sistema finanziario della Nuova Zelanda e le società stabilite qui non sono i luoghi in cui cercare di nascondere le entrate illecite”, ha affermato Coster.