La Russia riporta il mining di criptovalute in Abkhazia

Dopo un divieto di due anni, il governo russo si è reso conto che la soluzione migliore è regolamentare l’industria del mining di criptovalute

Immagine del paesaggio urbano di Sukhumi - la città principale dell'Abkhazia
Le basse tariffe elettriche hanno reso la regione una delle principali destinazioni al mondo per i miner di criptovalute

Dopo due anni di attuazione del divieto di mining di criptovalute, la Repubblica di Abkhazia, una provincia della Federazione Russa, ha deciso di revocarlo ancora una volta.

Il sito web ufficiale del gabinetto della regione rivela che il nuovo sistema incorporerà la regolamentazione del Ministero delle Finanze e una restrizione di due mesi sull’importazione di attrezzature minerarie.

Il Ministero dell’Economia sta anche pianificando di sviluppare un sistema che monitorerà l’estrazione di criptovalute, che includerà un ufficio che raccoglierà e analizzerà le statistiche e fornirà licenze.

Chernomorenergo, l’autorità statale per l’energia elettrica, sarà responsabile della definizione delle linee guida sulla quantità di elettricità utilizzata da queste imprese.

L’Abkhazia era una destinazione popolare per gli imprenditori che cercavano di aprire attività di mining di criptovaluta. La regione è nota per le sue tariffe elettriche convenienti; ogni kilowatt all’ora per gli individui costa solo 0,4 rubli (0,5 centesimi), mentre le persone giuridiche pagano 0,8 rubli (1 centesimo).

Secondo il media Jam News, la regione era così rinomata che divenne nota come la “mecca per i crypto farmers”. Tuttavia, il governo ha posto fine a tutto ciò nel 2018, dopo che l’energia utilizzata per alimentare tutte le crypto farm ha portato a un costante aumento delle carenze energetiche per le case e i negozi nell’area.

Secondo il direttore di Chernomorenergo, Ruslan Kvarichiya, il divieto non ha avuto l’effetto desiderato. In termini di tecnicismi, la legge ha vietato il collegamento delle attrezzature minerarie alle reti elettriche. Tuttavia, non ha vietato l’importazione delle nuove attrezzature minerarie nel territorio.

Alla fine, le società energetiche locali sono state costrette a fare i conti con un aumento incontrollato di nuove aziende agricole. Questa economia sommersa del mining di criptovalute è cresciuta e ha raggiunto un punto in cui la rete elettrica ha minacciato ancora una volta di spegnersi in tutta l’area. Per evitare un collasso energetico totale, il governo ha deciso di abrogare il divieto di mining di criptovalute.

Il Vice Primo Ministro e il Ministro dell’Economia hanno suggerito che la corruzione ha aiutato la crescita del “mercato-ombra”, dopo aver commentato che gli ingegneri elettrici “sanno meglio di chiunque altro” come il mercato ha continuato a crescere sotto il divieto.

Molti hanno esortato la Russia a fornire un quadro normativo più chiaro per le criptovalute. Diverse contraddizioni nella legge attuale hanno reso difficile per il settore emergente continuare a crescere. Ad esempio, sebbene l’estrazione mineraria non sia tecnicamente illegale a questo punto, i miner non saranno in grado di ricevere le loro ricompense minerarie in valuta digitale.