Home > News > La SBI giapponese promuove la diversità del portafoglio con un nuovo fondo di criptovalute

La SBI giapponese promuove la diversità del portafoglio con un nuovo fondo di criptovalute

Le criptovalute possono essere una risorsa satellite invece di una risorsa fondamentale nel portafoglio di un investitore, ha spiegato Asakura

Il colosso giapponese dei servizi finanziari SBI Holdings ha annunciato che lancerà il primo fondo di investimento in criptovaluta del paese nel tentativo di consentire agli investitori al dettaglio di diversificare i propri portafogli e investire in risorse digitali. La mossa è l'ultimo sviluppo positivo per l'industria delle criptovalute giapponese che negli ultimi mesi ha compiuto passi cruciali verso l'adozione di massa.

Il fondo di criptovaluta dovrebbe essere disponibile entro la fine di novembre, e potrebbe facilitare investimenti di milioni di dollari in una gamma di asset digitali tra cui Bitcoin, Ethereum, XRP, Bitcoin Cash e Litecoin.

SBI sta cercando di rivolgersi agli investitori che comprendono la volatilità associata al mercato delle criptovalute, Tomoya Asakura, presidente dell'affiliata SBI Morningstar Japan K.K. ha spiegato, aggiungendo che ci si può aspettare un investimento minimo da circa 1 milione di yen ($9.100) a 3 milioni di yen ($27.300).

Regolamentazioni più rigorose in risposta agli scandali cripto nazionali hanno significato che SBI ha dovuto rinunciare ai suoi piani iniziali di lancio del fondo attraverso fondi di investimento e utilizzare invece un veicolo comunemente noto come "partnership anonima". Pertanto, SBI ha impiegato quattro anni per dare forma al suo primo fondo di criptovaluta.

Tuttavia, Asakura ritiene che una risposta pubblica positiva al primo fondo stimolerà il gigante finanziario a muoversi rapidamente verso il lancio di un secondo.

"Voglio che le persone lo tengano insieme ad altre risorse e sperimentino in prima persona quanto possa essere utile per diversificare i portafogli", ha aggiunto Asakura.

Nonostante le crescenti barriere normative, l'industria delle criptovalute in Giappone ha continuato a prosperare negli ultimi tempi. L'exchange di criptovalute statunitense Coinbase ha recentemente lanciato una piattaforma di trading locale in Giappone che ha riferito che le transazioni nella prima metà del 2021 sono raddoppiate rispetto all'anno precedente e sono attualmente valutate a 77 trilioni di yen (700 miliardi di dollari).

Asakura ha spiegato che l'esitazione verso le criptovalute emerge dalla schiacciante percezione che gli asset siano altamente volatili e speculativi. Ritiene che i fondi di criptovaluta come quello lanciato da SBI mostreranno sia al pubblico che ai regolatori che gli investitori possono costruire un portafoglio più resiliente aggiungendo criptovalute piuttosto che investendo solo in attività tradizionali.

Il gestore ha concluso dicendo che SBI sarà disposta a costruire un fondo separato per gli investitori istituzionali se c'è abbastanza domanda.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.