Ultime Notizie

La SEC americana lascia la porta aperta alle ICO

0 Commenti

La SEC statunitense (Securities and Exchange Commission) resta preoccupata sulle initial coin offering, ma non sta lavorando per un ban totale. Piuttosto la SEC americana lascia la porta aperta alle ICO, ma mettendo in guardia i cittadini sulle minacce che tale forma di crowdfunding presenta.

Parlandone in una intervista rilasciata alla CNBC il 30 aprile, il commissario della SEC Robert Jackson ha detto:

‘Se vuoi sapere come sarebbero i mercati senza regole, se vuoi sapere come sarebbe se la SEC non svolgesse il suo lavoro. La risposta è il mercato delle ICO.’

Ma, dal suo punto di vista, il commissario, afferma che il mercato va regolamentato per proteggere gli investitori. E la SEC è concentrata proprio sulla loro salvaguardia perché molti “si stanno facendo male”, ha detto.

Per poi proseguire,

‘Gli investitori hanno difficoltà a capire la differenza tra investimenti e frodi.’

Quindi quello che la SEC deve fare, riflette Robert Jackson, è ‘rendere tali investimenti coerenti con le nostre leggi sui titoli.

La SEC non vuole il ban alle ICO

E chiaro che la SEC non vuole emettere un ban totale sulle ICO. I suoi richiami e raccomandazioni costanti, come nel luglio 2017, sono da interpretare come consigli agli investitori ad evitare di lasciarsi ingannare da falsi progetti.

La SEC è soprattutto preoccupata per il fatto che gli investitori comprano un token di utilità che promette l’accesso a una rete o servizio, ma sono spesso progetti sostenuti da un’idea astratta o addirittura inconsistente.

Il meccanismo pump-and-dump delle ICO

L’agenzia sorveglia il fenomeno pump-and-dump scatenato da molte ICO. Da questo punto di vista è diventata molto repressiva per evitare le frodi e le indagini hanno portato a decine di citazioni in giudizio. Si è scoperto che molte si mascheravano da utility token, mentre in realtà si trattava di security token: titoli.

Qui su coinlist.me trovi una ampia serie di recensioni sulle initial coin offering. Visita il Calendario delle ICO e approfondisci la loro conoscenza.

La SEC americana lascia la porta aperta alle ICO
5 (1 vote)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.