La SEC nigeriana riconosce le criptovalute come titoli

Gli asset cripto sono stati definiti come titoli “salvo prova contraria”

Immagine di Lagos, Nigeria
Victoria Island è il principale centro commerciale e finanziario di Lagos, in Nigeria

La Nigeria compie un altro passo avanti nell’integrazione delle criptovalute definendo formalmente le risorse digitali sotto il suo ombrello normativo.

Il 14 settembre, la Securities and Exchange Commission (SEC) nigeriana ha rilasciato una dichiarazione che ha fornito una definizione di token e monete nei mercati finanziari del paese. Per una migliore supervisione normativa, le attività sarebbero suddivise in quattro diverse categorie.

“Le criptovalute virtuali sono titoli salvo prova contraria. L’onere di dimostrare che gli asset cripto proposti per essere offerti non sono titoli e quindi non sono sotto la giurisdizione della SEC, è posto sull’emittente o sullo sponsor di tali asset “, ha affermato la SEC.

Le autorità di regolamentazione del paese saranno incaricate di registrare e approvare tutte le risorse digitali, che si dice siano una via per “opportunità di investimento alternative”.

I token di sicurezza rientrano nei titoli, mentre i derivati ​​e i fondi di investimento sono “investimenti specificati”.

La SEC ha chiarito che non sarebbe l’entità responsabile del monitoraggio del trading spot e delle transazioni dei token di utilità.

“La SEC regolerà gli investimenti in cripto-token o criptovaluta quando il carattere degli investimenti si qualifica come transazioni in titoli”, si legge nell’annuncio.

Tutte le attività di criptovaluta e blockchain che hanno rilasciato offerte di token di risorse digitali (DATO), offerte di monete iniziali (ICO) e/o offerte di token di sicurezza (STO) in Nigeria prima dell’implementazione di queste nuove leggi hanno avuto tre mesi per registrarsi con la SEC.

“Il processo di registrazione per le attività virtuali comporterà quindi un duplice approccio: un deposito di valutazione iniziale per soddisfare l’onere della prova e un deposito per la registrazione vera e propria, effettuato direttamente dall’emittente o dallo sponsor o dove l’onere della prova non è soddisfatto”, Ha spiegato l’annuncio.

La SEC nigeriana non ha rilasciato molte dichiarazioni pubbliche sull’uso delle criptovalute. La sua ultima dichiarazione in merito è stata nel 2017, quando la commissione ha messo in guardia i cittadini sul loro approccio all’investimento in criptovalute poiché potrebbe portare a una perdita finanziaria da parte loro senza la protezione dell’organismo di regolamentazione.

Questa mossa per regolamentare il mercato è una risposta a un significativo aumento di interesse verso l’industria da parte dei cittadini nigeriani. Secondo Google Trends, la Nigeria occupa costantemente il primo posto a livello mondiale per le ricerche online su “Bitcoin“. Oltre al Sudafrica e al Kenya, i tre paesi hanno anche il maggior numero di trasferimenti mensili di criptovaluta nel continente, per un totale di circa $ 316 milioni a giugno 2020.

“L’obiettivo generale della regolamentazione non è ostacolare la tecnologia o soffocare l’innovazione, ma creare standard che incoraggino pratiche etiche e che alla fine possano creare un mercato equo ed efficiente”, ha affermato la SEC.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading