Home > News > La SEC potrebbe considerare i Bitcoin ETF quando il mercato raggiungerà i 2 trilioni di USD

La SEC potrebbe considerare i Bitcoin ETF quando il mercato raggiungerà i 2 trilioni di USD

La United States Securities and Exchange Commission (SEC) prenderebbe in considerazione un Bitcoin exchange-traded fund (ETF) nel caso in cui il market cap di Bitcoin raggiungesse i 2 trilioni di dollari

L’amministratore delegato di Ark Investment Management, Cathie Wood, crede che sia improbabile che la SEC approvi un ETF Bitcoin se il market cap della criptovaluta resta inferiore a due trilioni di dollari. Ha fatto questa osservazione mentre parlava all’evento di martedì ETF Trends Big Ideas.

Secondo Woods, la marea di domande deve essere soddisfatta perché la SEC si senta a suo agio con un ETF Bitcoin sul mercato. Il settore delle criptovalute combatte da 5 anni per ottenere l’approvazione di un Bitcoin ETF.

Nonostante diversi tentativi di VanEck e altri, la SEC non ha ancora approvato un ETF Bitcoin. Al momento il market cap del bitcoin è di 8 miliardi di dollari al di sotto dei 600 miliardi di dollari. Quindi, secondo l’analisi di Woods, il mercato del bitcoin ha bisogno di raddoppiare il suo market cap prima che la Securities and Exchange Commission possa considerare l’approvazione di un Bitcoin ETF.

Woods ha ammesso che potrebbe essere fiduciosa su un ETF Bitcoin se Gary Gensler, l’ex commissario CFTC e professore di valuta digitale del MIT, fosse nominato presidente della SEC. Il presidente Joe Biden ha proposto il nome di Gensler per il ruolo, e Woods pensa che la sua posizione pro-Bitcoin aiuterebbe il comparto crypto ad ottenere il tanto atteso Bitcoin ETF.

Se nominato, Gensler sarebbe il presidente della SEC più esperto di criptovalute. Tuttavia, Gensler ha dichiarato che anche se è un credente in bitcoin, crede di più nella tecnologia blockchain e nei contratti intelligenti.

Woods è molto rialzista sul prezzo di BTC

Cathie Woods ha anche parlato del prezzo del bitcoin, ed ha fatto alcune previsioni audaci sul prezzo e sull’adozione della criptovaluta. Citando MicroStrategy come esempio, la Woods crede che se ogni azienda dell’indice S&P 500 investisse l’1% dei suoi beni in bitcoin, il prezzo della criptovaluta aumenterebbe di 40.000 dollari rispetto al suo prezzo attuale.

Woods ritiene inoltre che se le istituzioni allocano tra il 2,5% e il 6,5% dei loro fondi in bitcoin, allora il suo prezzo potrebbe salire tra i 200.000 e i 500.000 dollari. La criptovaluta leader è aumentata di oltre il 400% l’anno scorso e ha iniziato il 2021 in modo eccellente dopo aver raggiunto un nuovo massimo storico a quasi 42.000 dollari. Da allora, tuttavia, ha perso slancio ed è attualmente scambiata sopra la soglia dei 32.000 dollari sulla maggior parte degli scambi.

Etichette: