La SEC vince una causa storica contro Kik

Un giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti acconsente alla mozione della SEC per un giudizio sommario

Immagine dell'app di messaggistica Kik su un laptop
La società è stata accusata di aver violato la Sezione 5 del Securities Act

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha appena vinto una storica causa contro Kik Interactive, in cui la SEC ha affermato che i token digitali Kin erano in violazione del Federal Securities Act.

La sentenza, eseguita dal giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Alvin Hellerstein, è stata emessa più di sei mesi dopo che le due parti hanno presentato istanze di giudizio sommario, con l’intenzione di porre fine al caso giudiziario senza un processo. Ora, la causa civile è un passo più vicino alla concessione di sanzioni, una conclusione inevitabile per questa vicenda legale.

Kik è un’azienda con sede in Canada, con un’app di messaggistica che porta lo stesso nome. La società stava lavorando allo sviluppo della propria criptovaluta, il Kin, come un modo per monetizzare l’utilizzo dell’app.

Da giugno a settembre 2017, Kik ha venduto $ 50 milioni in token Kin come parte di una prevendita privata a 50 investitori. Una parte di questo “Accordo semplice per i token futuri” (SAFT) ha fatto capire agli investitori che stavano acquistando questi token con uno sconto e hanno esplicitamente accettato che stavano acquistando un titolo.

A settembre, Kik ha tenuto una vendita pubblica del token, dove è riuscito a raccogliere ulteriori $ 49,2 milioni.

Quando Kin è stato annunciato, la SEC non disponeva ancora di regole riguardanti la governance delle criptovalute come Kin. Il rapporto DAO dell’agenzia, che ha stabilito una serie approssimativa di linee guida per quando le offerte di token potevano essere considerate come titoli, è uscito nel luglio 2017, proprio mentre Kik stava mettendo in moto la sua vendita.

Due anni dopo, la SEC ha accusato la società canadese di aver violato la sezione 5 del Securities Act, per aver offerto e venduto titoli nel paese senza essere stata registrata per poterlo fare.

Sebbene il giudice abbia notato che non aveva precedenti giudiziari a guidarlo in questa materia, ha accettato le accuse. Il nocciolo del caso ruotava intorno al fatto che la vendita soddisfacesse il test di Howey, una misura vecchia di quasi cento anni per identificare un titolo.

Stabilisce che la sicurezza deve essere un investimento di denaro in un’impresa comune, con profitti che devono essere derivati ​​esclusivamente dagli sforzi di altri.

Sebbene sia la SEC che Kik fossero d’accordo sul fatto che si stesse investendo del denaro, non erano d’accordo sulle altre qualifiche esposte.

Il giudice Hellerstein ha sancito che Kik ha stabilito un’impresa comune e che doveva esserci un’aspettativa di profitti.

“Nelle dichiarazioni pubbliche e in eventi pubblici che promuovono Kin, Kik ha esaltato il potenziale di profitto di Kin. L’amministratore delegato di Kik ha spiegato il ruolo della domanda e dell’offerta nel determinare il valore di Kin “, ha spiegato.

La sentenza impone che entro il 20 ottobre “le parti presentino congiuntamente una proposta di giudizio per un provvedimento ingiuntivo e monetario”.