Home > News > La società di gestione patrimoniale Fidelity presenta un ETF Bitcoin

La società di gestione patrimoniale Fidelity presenta un ETF Bitcoin

Il gigante della gestione patrimoniale Fidelity è l’ultimo in ordine di tempo a presentare un exchange traded fund (ETF) in bitcoin negli Stati Uniti.

Un nuovo documento depositato presso la US Securities and Exchange Commission (SEC) ha rivelato che il gigante della gestione patrimoniale Fidelity vuol creare un nuovo Bitcoin ETF. La SEC ha ricevuto numerose domande di ETF Bitcoin, dal momento che diverse società finanziare vorrebbero facilitare l’accesso alla criptovaluta agli investitori istituzionali.

Il Wise Origin Bitcoin ETF è quindi solo l’ultimo ad unirsi alla corsa agli ETF Bitcoin (BTC) negli Stati Uniti. Secondo il documento depositato presso la SEC, è la società chiamata FD Funds Management ad aver presentato la proposta, mentre Fidelity Service Company farà da amministratore. Il documento rivela che FD Funds Management ha lo stesso indirizzo della sede centrale di Fidelity a Boston.

Il documento rivela inoltre che Fidelity Digital Assets, la società del gestore patrimoniale focalizzata sulle criptovalute, svolgerà il ruolo di custode per il Bitcoin ETF. Il Bitcoin ETF se dovesse essere approvato sarà legato all’indice dei prezzi bitcoin di Fidelity.

Dalla dichiarazione depositata si apprende che “l’obiettivo di investimento del trust è quello di seguire la performance del bitcoin, misurata dalla performance del Fidelity Bitcoin Index PR (l’indice), corretto per le spese del trust e altre passività”.

Il fondo fornirebbe agli investitori un’esposizione diretta al BTC, e i titoli dell’ETF sarebbero calcolati giornalmente usando la stessa metodologia usata per calcolare l’indice. Il documento afferma anche che: “Il Trust fornisce agli investitori l’opportunità di accedere al mercato del bitcoin attraverso un conto di intermediazione tradizionale senza le potenziali barriere all’ingresso o i rischi legati alla detenzione o il trasferimento di bitcoin direttamente, l’acquisizione da un mercato spot bitcoin, o il mining”.

Un portavoce di Fidelity ha dichiarato che l’ecosistema delle criptovalute è cresciuto significativamente negli ultimi anni, creando un eccellente mercato per gli investitori e aumentando la domanda tra gli istituzionali.

La necessità di lanciare un ETF Bitcoin acquisisce consistenza, in quanto un numero crescente di investitori istituzionali richiede ora l’accesso a una serie più diversificata di prodotti che offrono esposizione alle attività digitali.

Quest’ultima richiesta diventa la sesta domanda di Bitcoin ETF posta in attesa di approvazione presso la SEC statunitense. L’agenzia di regolamentazione ha già ricevuto richieste di Bitcoin ETF da VanEck, WisdomTree Investments, Valkyrie Digital Assets, NYDIG Asset Management e SkyBridge.

Etichette: