La Thailandia ora ha 13 fornitori di servizi di criptovaluta autorizzati

Il paese sta lentamente espandendo la sua lista di criptovalute con l’approvazione di diverse nuove società

Immagine di una veduta aerea di Bangkok, Tailandia
Una promettente varietà di scambi di criptovalute, broker e rivenditori promuove la crescita della comunità di criptovalute della Thailandia

Il numero di fornitori di servizi di criptovaluta autorizzati in Thailandia è in crescita. 13 società di criptovaluta sono state ora autorizzate a operare dai regolatori tailandesi.

L’industria della criptovaluta thailandese è regolata dal regio decreto sulle attività di attività digitali BE 2561. Con questa legge, le attività di attività digitali sono classificate in tre tipi: broker, borse e rivenditori.

Al momento della redazione, la Thai Securities and Exchange Commission (SEC) ha approvato sei scambi di asset digitali. L’elenco delle società è composto da Bitkub, BX, Satang Pro, Huobi Thailand, Zipmex ed ERX.

ERX è lo scambio più recente che ha ricevuto l’approvazione della SEC ed è approvato solo per i token digitali. Tuttavia, i rimanenti scambi di risorse digitali vengono cancellati sia per le criptovalute che per i token digitali.

Il regio decreto traccia anche una linea tra criptovalute e token digitali. Secondo la legge, le criptovalute vengono fatte funzionare come mezzo di scambio per ottenere beni e/o servizi. D’altro canto, i token digitali sono realizzati per definire la capacità di un individuo di far parte di un investimento in qualsiasi progetto o impresa.

Nuova approvazione per i broker

All’interno della categoria dei broker di attività digitali, sono state approvate tre nuove attività: monete TH, Bitazza e Kulap.

Oltre a supervisionare le attività locali di criptovaluta, la Thailandia sta anche regolando i portali di offerta iniziale di monete (ICO). Secondo il regio decreto, i portali ICO sono entità che forniscono un sistema elettronico per facilitare l’offerta di token digitali di nuova emissione.

I portali ICO eseguono la dovuta diligenza sulle caratteristiche dei token digitali da offrire e sulle qualifiche dell’emittente. Garantisce la completezza e l’accuratezza delle informazioni contenute nelle dichiarazioni di registrazione, nel progetto di prospetto o in qualsiasi altra informazione divulgata attraverso il portale.

La Thailandia ha concesso in licenza quattro portali ICO: Longroot, T-box, SE Digital e Bitherb. Tra i quattro, Bitherb non è ancora operativo.

Secondo la legge thailandese antiriciclaggio, le criptovalute, i broker, i rivenditori e i portali ICO sono tutti classificati come istituti finanziari. L’autorità di regolamentazione dei titoli thailandese ha sottolineato che le persone fisiche o giuridiche con l’intenzione di gestire un’attività di asset digitali devono chiedere l’approvazione del Ministro delle finanze su raccomandazioni della SEC.

L’anno scorso, i legislatori del paese hanno annunciato i loro piani per riformare le leggi sulla criptovaluta dopo le preoccupazioni che il loro stato attuale stia ostacolando il vantaggio competitivo del paese. Questi cambiamenti sembrano indicare un grande cambiamento nella prospettiva delle criptovalute nel paese, in particolare con la loro ricerca e sviluppo delle valute digitali da parte delle banche centrali (CBDC).