La Turchia amplifica l’integrazione delle criptovalute per ottenere l’indipendenza economica dagli Stati Uniti

Nel tentativo di stimolare l’economia locale in modo indipendente, la Turchia si rivolge a una varietà di iniziative volte a integrare e adottare la criptovaluta

Istambul, Turchia
La Turchia fa parte di un crescente numero di paesi che sta considerando l’uso di una valuta digitale della Banca centrale (CBDC)

Mentre l’economia in Turchia continua a trovarsi in difficoltà, lo sviluppo e l’adozione di alternative, come il caso della criptovaluta, è in aumento. L’aumento della tensione con gli Stati Uniti, la sfiducia tra gli investitori e le riserve finanziarie in calo della Turchia hanno portato la Lira (TRY) a precipitare al livello più basso della storia quest’anno.

Per salvare l’economia dalla recessione, il Paese ha aumentato notevolmente i propri investimenti in criptovalute e tecnologia blockchain per allontanare l’economia dalla recessione. Questa mossa è accompagnata da un massiccio supporto; più di due terzi del paese dichiarano di essere positivi nell’adottare le criptovalute, con le carte di debito crypto recentemente introdotte che dimostrano un caso d’uso popolare nel paese.

Oltre a sperimentare l’idea di una valuta digitale della Banca centrale (CBDC), la Turchia sta investendo nella ricerca blockchain. Questi programmi hanno lo scopo di incoraggiare i giovani locali a studiare la tecnologia blockchain e supportare le aziende basate sulla tecnologia. A lungo termine, si spera che questi sforzi sosterranno l’economia turca, in quanto la dipendenza da esperti esterni scomparirà.

Inoltre, oltre il 30% della Turchia rimane senza banche. Le criptovalute possono aiutare a favorire l’inclusione finanziaria, in particolare per gli stati orientali, dove conflitti pericolosi impediscono alle banche di insediarsi in un ufficio fisico.

Jonathan Leong, CEO di BTSE, ha spiegato come la situazione politica ed economica abbia portato i cittadini turchi ad adottare criptovalute:

“La situazione politica e il tasso di cambio volatile della Turchia hanno portato i turchi a diventare i principali adozioni delle criptovalute, perché la criptovaluta consente un facile accesso alla ricchezza, pagamenti senza confini e coperture affidabili contro l’inflazione. L’adozione delle carte di debito Crypto è un’evoluzione logica dell’instabilità economica e dello spazio delle risorse digitali.” Ha detto Leong.

BTSE ha recentemente elencato la Lira digitale e la BiLira, sui loro sistemi.

Emre Aksoy, consulente di organi del governo turco in materia di adozione e regolamentazione delle criptovalute, ha anche osservato che oltre il 3-4% del PIL del paese viene speso per i costi di transazione e gli intermediari bancari, aggiungendo:

“La tecnologia della criptovaluta ridurrà questi costi e ridurrà la nostra dipendenza e dipendenza da altre nazioni. La Turchia ora ha una vera possibilità di salvare la sua economia”.

La Turchia ha un’età media di 31,5 anni, rendendola una popolazione relativamente giovane. La probabilità di adottare nuove tecnologie è quindi probabilmente più alta in Turchia rispetto alla maggior parte dell’Europa. Inoltre, oltre il 90% degli adulti ha uno smartphone con la casa di campagna per oltre 50 milioni di utenti di Internet mobile.

Quando ING Bank ha ospitato un sondaggio nel 2018, i risultati hanno mostrato che il 18% della popolazione possedeva già una sorta di criptovaluta, con un altro 25% interessato agli acquisti.