L’Argentina porrà un freno al trading di criptovalute

La FIU ha attribuito il proprio controllo rafforzato all’aumento dei tassi di criminalità e alle preoccupazioni sul riciclaggio di denaro. Molti credono, tuttavia, che la repressione sia stata implementata per impedire la conversione della valuta fiat in BTC.

Banca Centrale dell’ Argentina
A seguito delle misure restrittive, anche banche, ONG, agenti di borsa e diverse altre entità sono state sottoposte a un controllo approfondito.

L’Unità di informazione finanziaria (FIU) dell’Argentina ha annunciato di star lavorando all’implementazione di controlli più rigorosi sul trading di criptovalute all’interno del paese. Sostiene che si tratta di misure necessarie a causa di un presunto aumento del crimine e del riciclaggio di denaro da quando la criptovaluta è decollata nella nazione sudamericana. Tuttavia, molti credono che i reali motivi del governo per colpire le criptovalute siano radicati nel crollo della sua valuta nazionale fiat, il Peso argentino (ARS).

Questo è stato riportato da El Cronista, un giornale argentino.

In una dichiarazione rilasciata dal presidente della FIU, Carlos Alberto Cruz, è stato rivelato che l’aumento delle operazioni effettuate tramite risorse virtuali fosse una preoccupazione perché “potrebbe essere realizzato da persone che intendono eludere gli standard internazionali ed evitare il [ quadro antiriciclaggio]. “

La FIU sta lavorando per raccogliere maggiori informazioni su persone ed entità coinvolte nel trading di criptovalute. Ha emesso un ordine a diverse istituzioni, da scambi e fondi comuni d’investimento a banche e società di carte di credito, per segnalare qualsiasi attività sospetta.

Altre società, come ONG, agenti di borsa, società di posta e di spedizione, e persino gallerie d’arte e leghe sportive, saranno sottoposte a un migliore monitoraggio da parte della FIU.

L’ARS ha lottato per rimanere a galla dal 2019. Soffriva di un’inflazione di oltre il 50%, una statistica significativa ancor prima che l’impatto del coronavirus fosse vissuto dall’economia globale.

Di recente, il governo ha fallito il proprio debito nazionale, aumentando la probabilità di iperinflazione.

In mezzo a tutta questa instabilità, molti argentini hanno risposto investendo in Bitcoin al fine di garantire e salvaguardare i propri fondi. In effetti, l’Argentina ha accolto con favore il 2020 con un notevole picco nel trading di Bitcoin su scambi peer to peer. Ciò ha sollevato preoccupazioni da parte del governo che il flusso di fondi dall’ARS verso la criptovaluta velocizzerà il crollo della valuta nazionale.

Il fondatore del Centro Bitcoin di Buenos Aires, Franco Amati, ha fatto eco a questi sentimenti in un tweet che ha pubblicato il 22 maggio.

Ha scritto, “[Il] governo argentino vuole fermare il” Bitcoin Dollar “(acquistare BTC con ARS all’interno dell’Argentina e convertire quei BTC in USD all’estero). Vediamo come funziona. “

In allegato al suo tweet è presente un collegamento al quotidiano El Cronista.

Nelle notizie correlate, altri paesi che hanno lottato con l’iperinflazione, come l’Iran e lo Zimbabwe, hanno adottato anch’essi misure simili per vietare la criptovaluta all’interno dei loro confini, nel tentativo di salvaguardare le loro valute legali nazionali.