L’ascesa dei CBDC e cosa significano per le criptovalute

La maggior parte delle banche centrali di tutto il mondo sta esaminando l’introduzione di CBDC che potrebbero avere effetti drammatici sulla finanza personale e sulla libertà

Immagine dell'edificio FMI
Il FMI afferma che stiamo per assistere alla più grande revisione del sistema finanziario globale dai tempi di Bretton Woods

Le valute digitali della banca centrale (CBDC), ultimamente, sono state un argomento acceso, con molte banche centrali ispirate da Bitcoin ad esplorare la possibilità di un complemento CBDC al contante. Un CBDC è un token di pagamento digitale che differisce dalle criptovalute, in quanto è emesso e supportato da una banca centrale ed ha quindi corso legale.

Circa il 70% delle banche centrali di tutto il mondo è coinvolto nella ricerca CBDC – anche la Federal Reserve quest’anno è balzata sul carro dei vincitori – e alcune sono attualmente in fase di sperimentazione, come lo yuan digitale della Banca popolare cinese. I prossimi lanci di CBDC includono il Bahamas Sand Dollar e il Marshall Islands Sovereign.

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI), Kristalina Georgieva, ha parlato giovedì di come il mondo si trovi di fronte a un “nuova fase di Bretton Woods” (riferendosi alla conferenza internazionale del 1944 che ha portato alla creazione del FMI e dell’attuale sistema monetario), e oggi l’FMI sta ospitando una conferenza virtuale sul “Pagamento transfrontaliero – Una visione per il Futuro”, che coprirà le valute digitali e le loro implicazioni macrofinanziarie.

Le CBDC potrebbero avere molti vantaggi: significherebbero una distribuzione più semplice dei pagamenti (il che semplificherebbe enormemente la complicata logistica della distribuzione degli assegni di stimolo statunitensi, ad esempio) e nei molti luoghi in cui le persone devono percorrere lunghe distanze per raggiungere un cashpoint, CBDC significherebbe l’inclusione dei grandi non bancari eliminando le banche commerciali – poiché ovunque le persone potrebbero essere in grado di controllare le proprie finanze, semplicemente dal proprio telefono.

Tuttavia, ci sono anche degli svantaggi: i CBDC potrebbero annunciare un attacco alla privacy e alla libertà. Potrebbero portare alla riscossione delle tasse automatizzata e consentire al governo di tenere traccia di tutto ciò che si fa, dando loro il potere di “disattivare” i soldi semplicemente se non si riga dritto.

Molti nella sfera delle criptovalute ne hanno considerato l’importanza. Il fondatore e CEO di Real Vision, Raoul Pal, ha detto ieri in un thread su Twitter che CBDC significherebbe “… un accordo implicito a livello del FMI che le banche centrali possono eseguire bilanci illimitati se uniscono le forze … quindi possono tutti concordare di aumentare i bilanci insieme per evitare che i singoli paesi vengano penalizzati tramite FX “.

Questa potrebbe essere una buona notizia per Bitcoin: una valuta con un’offerta fissa che non è influenzata dai governi potrebbe essere molto richiesta in un mondo post-CBDC.