Home > News > L’attività dell’Ethereum network è viva, perché il prezzo è basso?

L’attività dell’Ethereum network è viva, perché il prezzo è basso?

4 December, 2019 By Fabio Carbone

C’è qualcosa di esasperante nel comportamento delle criptovalute, perché non seguono i fondamentali. Ti aspetti che quando accadono cose positive, il loro prezzo salga e viceversa. Invece questo non è il caso di Ethereum nel periodo recente.

Nonostante il fatto che l’attività della network stia aumentando e la DeFi (la finanza decentralizzata) stia raggiungendo cifre record sulla rete, il prezzo di ETH non segue l’andamento o addirittura diminuisce. Come mai nessuno compra Ethereum?

Maker lanza DAI multirespaldada
AlekseyIvanov / Shutterstock.com

Stato della Ethereum Network

Con oltre 70mila nuovi indirizzi creati sulla Ethereum network e aggiunti giornalmente, è difficile negare la forte crescita che sta vivendo Ethereum. La velocità di hash in Bitcoin è più potente, ma con un aumento della velocità del blocco e del numero di indirizzi con saldi diversi da zero, le cose stanno meglio di quanto puoi credere.

Guardando all’uso delle DApp sulla blockchain Ethereum, si trova un altro fattore positivo. Gods Unchained, MakerDAO, TruffleSuite, e Gitcoin sono tutte in crescita. Infatti, una delle statistiche più interessanti qui è che approssimativamente il 2,5% dell’intera disponibilità di Ethereum è vincolata nei protocolli DeFi.

In particolare MakerDAO, sta implementando un aggiornamento del protocollo per rendere DAI multi-collaterale, così da consentire al token BAT, così come avviene per ether, di fungere da collaterale. Possiamo attenderci delle fluttuazioni dei tassi di interesse mentre questo periodo di aggiustamento avverrà, ma a lungo termine, questo dovrebbe essere l’inizio della possibilità di usare più criptovalute come garanzia dei prestiti richiesti.

La comunità DeFi è in crescita

La comunità DeFi è in rapida crescita ora, con migliaia di prodotti che sono disponibili online. Per esempio, ohmydai è stato inaugurato alla fine di novembre e essenzialmente abiliterà l’utente nel creare opzioni put su DAI. Più sono i prodotti disponibili online, e più la rete diventa forte e interconnessa. Idealmente, ciò si tramuta in una rete solida quanto le reti finanziarie tradizionali, ma priva di molte delle inefficienze di queste ultime.

Quindi, sebbene Ethereum stia negoziando contro bitcoin, è sceso ulteriormente dai 181 USD di 3 mesi fa ai 148 USD di questi giorni. Questa variazione di prezzo rappresenta una spinta costante al ribasso per ETH, ma evidenzia anche la dinamica dei prezzi unica che ha. Essendo la seconda criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato (oltre che per reputazione), le sue dinamiche di prezzo hanno meno probabilità di imitare bitcoin. In un certo senso, è una delle poche criptovalute a avere “una propria testa”. Con la maggior parte delle altcoin, invece, i prezzi sono rimasti stabili o in calo contro bitcoin negli ultimi mesi.