Le criptovalute sono state incluse nel nuovo Codice civile cinese

Le criptovalute sono riconosciute come proprietà che possono essere ereditate ai sensi del Codice civile della Repubblica popolare cinese.

Il comitato del distretto di Lushan del Congresso nazionale del popolo
La Cina fa parte di un gruppo selezionato di paesi che hanno lavorato attivamente per l’integrazione delle criptovalute nella loro economia.

Giovedì scorso nella terza sessione del 13° Congresso nazionale del popolo (NPC), la Cina ha votato e approvato il Codice civile della Repubblica popolare cinese. Oltre alle disposizioni generali e supplementari, il codice civile comprende sei parti riguardanti i diritti reali, i contratti, i diritti personali, il matrimonio e la famiglia, l’eredità e le responsabilità civili.

La decisione di procedere alla stesura del codice civile è stata annunciata nell’ottobre del 2014 e l’iter legislativo è iniziato nel giugno 2016.

Xinhua News Agency ha riferito che il nuovo codice civile “sancisce che i diritti di proprietà degli individui sono salvaguardati allo stesso modo di quelli dello Stato e del collettivo, e che anche i beni virtuali online sono protetti”.

Il vicepresidente del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, Wang Chen, ha informato la sessione che il completamento del codice civile “è una componente importante dei piani del Comitato centrale del Partito comunista cinese (CPC) con il compagno Xi Jinping in prima posizione per lo sviluppo dello stato di diritto”.

Il nuovo codice civile entrerà in vigore a partire dall’1 gennaio 2021.

Le criptovalute sono ora coperte dalle leggi sull’eredità. Il nuovo codice civile stabilisce che “i beni virtuali, come i bitcoin, possono essere ereditati”, come tutte le altre proprietà che sono state legalmente acquistate da una persona fisica.

Oltre a riconoscere la criptovaluta nel codice civile, la sua stessa dichiarazione di esistenza è una pietra miliare significativa per il paese.

“Il codice civile è la prima legge che porta il titolo di ‘codice’ nella Repubblica popolare cinese. Esso stabilisce i principi e le norme fondamentali in materia di attività e relazioni civili. Riflette la volontà del popolo e ne protegge i diritti e gli interessi” ha detto Wang Liming.

Liming è il vicepresidente esecutivo della Renmin University of China e un professore di legge.

Diversi tribunali cinesi hanno stabilito che le criptovalute sono proprietà che dovrebbero essere protette dalla legge. Alcuni esempi includono la Corte del popolo intermedio di Shanghai n. 1, che ha stabilito che il bitcoin è un bene protetto dalla legge. In un altro caso, la Corte popolare del distretto Futian di Shenzhen ha stabilito che l’ETH è una proprietà legale che ha un valore economico.

La Cina, inoltre, lavora all’emissione dello yuan digitale, la propria valuta digitale. Anche se non c’è un calendario per il suo lancio, è già in fase di test da parte di alcuni funzionari governativi nel paese.

Il Governatore della Banca popolare di Cina (PBOC) Yi Gang ha detto che in diverse città sono stati effettuati anche test pilota interni per verificare l’affidabilità teorica, la stabilità del sistema, la convenienza, l’applicabilità e la controllabilità del rischio della moneta digitale.

Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading