Le migliori 3 inversioni di marcia nel regolamento delle Criptovalute

Molti paesi hanno tentato e non sono riusciti a introdurre una normativa opportuna e ragionata per i progetti crittografici. Di seguito esaminiamo quali paesi, sebbene inizialmente scettici, hanno cambiato idea e da allora hanno introdotto alcune delle normative più cruciali.

Cryptocurrency regulation
I paesi che implementeranno per primi dei quadri normativi, potrebbero chiaramente avere un impatto importante sulla direzione futura delle industrie crittografiche, costringendo il resto del mondo a cercare di tenere il passo.

Poiché le criptovalute sono ancora relativamente in crescita ed ascesa, è probabile che i progetti saranno sottoposti a quadri normativi più standardizzati in futuro. Ma per ora, la regolamentazione è ancora scarsa in molti paesi. Di seguito parleremo dei casi di tre paesi che crediamo abbiano superato lo scoglio della riluttanza iniziale a integrare le risorse digitali nelle loro economie.

Stati Uniti

Gli Stati Uniti non hanno una regolamentazione unificata sulla criptovaluta. Il governo federale si è trascinato sulla questione sin dall’emergere delle criptovalute, tuttavia ci sono vari gradi di regolamentazione in diversi stati.

Nel 2014, la California è diventata uno dei primi stati a introdurre protezioni per i consumatori, garantendo che le valute digitali potessero essere utilizzate per pagare beni e servizi.

Questa non è una sorpresa, ovviamente: lo stato del sole è stato a lungo la patria della Silicon Valley e un pioniere delle nuove tecnologie.

Anticipando la curva regolatoria, la California si è affermata come un punto di riferimento per i progetti di crittografia.

Di conseguenza, è la sede di numerosi scambi di criptovalute e relative società, come Coinbase, Kraken e Ripple.

Ulteriori cambiamenti sono in corso negli Stati Uniti, di fatti il Congresso suggeriva alla fine dello scorso anno, la possibilità di introdurre nuove leggi a livello federale nel corso del 2020.

Cina

La Cina ha avuto un rapporto ambivalente con la criptovaluta.

Il governo cinese ha completamente abbracciato la tecnologia blockchain di base. Il 1 ° gennaio 2020 è stato creato un nuovo quadro legislativo per i progetti blockchain, partendo dal piano del presidente Xi di integrare suddetta tecnologia nel modo in cui il paese opererà in futuro, presumibilmente applicando molti dei casi d’uso che la blockchain ha dimostrato di saper migliorare, come l’industria agricola.

In termini di criptovalute, la Cina è sia un leader mondiale che uno dei suoi critici più accaniti.

Gli scambi di criptovalute e il commercio di criptovalute sono stati sostanzialmente vietati a settembre 2017, tuttavia la Cina ospita anche i più grandi pool di mining di Bitcoin del mondo, a causa dell’elettricità relativamente economica combinata con l’enorme popolazione del paese.

Oltre a ciò, la Cina ha anche quello che è noto come il “grande firewall” che essenzialmente censura sezioni di Internet per i residenti cinesi, inclusi siti come Google, Facebook e YouTube. Per ovviare a questo, i residenti cinesi utilizzano VPN (Virtual Private Networks) per accedere a Internet utilizzando un server proxy con sede in un altro paese.

Pertanto, sebbene il governo cinese abbia sostanzialmente soffocato l’industria delle criptovalute all’interno del paese, è probabile che una significativa minoranza della sua gente continuerà a minare, commerciare e detenere criptovalute nonostante il divieto del governo.

La Cina è anche pronta per essere il primo paese a lanciare la propria criptovaluta, lo Yuan digitale, con piani per testare il progetto in quattro città cinesi: Shenzhen, Chengdu, Suzhou e Xiongan, e si dice che il pieno lancio sia all’orizzonte nei prossimi uno o due anni, potenzialmente “aprendo le porte alle autorità di regolamentazione”.

India

Nell’aprile 2018, la Reserve Bank of India (RBI) ha dichiarato che “non si occuperà né fornirà servizi a nessun individuo o entità commerciale che tratta o regola le [valute virtuali]”.

La RBI ha affermato che le questioni relative alla protezione dei consumatori, all’integrità del mercato e al riciclaggio di denaro erano ragioni chiave per voltare le spalle alle criptovalute.

Il divieto è stato giudicato all’interno della comunità crittografica come inapplicabile. Alcuni hanno fatto riferimento, da un lato, all’incapacità delle autorità di controllare efficacemente le risorse decentralizzate e, dall’altro, alla presenza di scambi come Bitmex, che consentono ai nuovi utenti di registrarsi senza la verifica KYC, ovvero “conosci il tuo cliente” (KYC, Know Your Customer).

Tuttavia, più recentemente, l’India ha abbracciato progetti blockchain e criptovalute e ha annullato il divieto come parte della sua futura strategia industriale chiamata “India digitale”.

Il modo in cui i paesi in via di sviluppo abbracciano e implementano il quadro normativo potrebbe potenzialmente avere un impatto importante sulla direzione futura delle industrie crittografiche, poiché l’approvazione delle leggi in paesi come la Cina è un processo molto più veloce rispetto all’utilizzo dei canali democratici che interessano la maggior parte dei paesi occidentali, come gli Stati Uniti e la maggior parte dell’ Europa.

eToro
Caratteristiche principali
Deposito minimo
$50
United States
Caratteristiche principali
Le migliore valute
  • ETH
  • NEO
  • ADA
  • BTC
  • XLM
Modalità di pagamento
Bonifico bancario, Trasferimento bancario
Coinbase
Caratteristiche principali
fornitore di fiducia
portafoglio online
Beginner amichevole
Deposito minimo
$1
United States
Caratteristiche principali
fornitore di fiducia
portafoglio online
Beginner amichevole
Le migliore valute
  • BTC
  • LTC
  • XRP
  • ETH
  • BCH
Modalità di pagamento
Carta di credito, Carta di debito, Euro banca account, Carta di credito sicura 3D
Coinbase è uno dei primi posti che ha reso facile acquistare Bitcoin e da allora è diventato uno scambio ampiamente di fiducia nel mercato.