Le società di criptovalute indiane rimangono fiduciose nonostante le voci contrastanti sul divieto di criptovaluta

Le notizie su una reintroduzione del divieto delle criptovalute non hanno scoraggiato le società di criptovalute locali dall’espandere le loro operazioni

India e Bitcoin sulla mappa
Il mercato locale delle criptovalute è cresciuto costantemente da marzo quando la Corte Suprema ha revocato il controverso divieto della banca centrale di negoziare criptovalute

Nonostante le speculazioni sul fatto che verrà reintrodotto un divieto alla criptovaluta, le startup di criptovaluta continuano ad espandersi e lanciare prodotti in India.

Di recente, il Ministero delle finanze indiano ha emesso un disegno di legge del governo per consultazioni interministeriali che potrebbero reintrodurre il divieto di valute virtuali.

Il mercato delle criptovalute ha registrato un notevole slancio da marzo, quando la Corte Suprema ha revocato il controverso divieto della Reserve Bank of India (RBI) sul commercio di criptovalute. Gli appassionati di criptovalute e i fondatori di cripto startup sono ottimisti sul futuro delle valute digitali in India e credono che un altro divieto sia altamente improbabile.

“Non credo che ci sia nulla di cui preoccuparsi al momento. L’articolo si basa su una nota che non è chiara se il ministero delle finanze intende lavorare sulla vecchia legge cripto draconiana o se intendono lavorare per portare una nuova legge “, Nischal Shetty, Amministratore delegato (CEO) di WazirX, ha spiegato.

“Il divieto non è una soluzione e non credo che l’India cercherà una soluzione non ottimale qui. L’India ha fatto progressi nella giusta direzione quando si tratta di tecnologia. Sono ottimista, seguiremo le orme dei paesi sviluppati che hanno accettato la crittografia e introdotto regolamenti positivi “, ha aggiunto.

WazirX è uno scambio di criptovaluta con sede a Mumbai. La società è stata lanciata nel 2018 e conta oltre 400.000 utenti registrati.

All’inizio di questa settimana, lo scambio di criptovalute CoinDCX ha lanciato DCX Learn, una nuova piattaforma online e sussidiaria per fornire contenuti educativi sulla criptovaluta e la tecnologia blockchain. Il lancio di DCX LEarn avviene dopo il round di finanziamento della Serie A da $3 milioni della società da parte di Bain Capital, una società americana di investimenti privati, nonché un investimento strategico per un valore aggiuntivo di $2,4 milioni da Polychain Capital e Coinbase Ventures.

Il co-fondatore e CEO di CoinDCX, Sumit Gupta, ritiene che i tempi per il loro nuovo prodotto siano strategici, poiché circolano voci sul divieto.

“Non vediamo immediatamente le notizie recenti su un possibile divieto come una delle principali preoccupazioni. Con tutta la confusione attorno alle normative, in realtà c’è ancora più bisogno che le persone comprendano la tecnologia e DCX Learn le offre. ” Ha spiegato Gupta.

All’inizio di giugno, l’aggregatore di criptovalute CoinSwitch ha lanciato un’applicazione mobile di scambio di criptovaluta Indian Rupee (INR) chiamata Kuber esclusivamente per il mercato indiano. Coinswitch Kuber offre agli utenti l’opportunità di acquistare, vendere e scambiare risorse digitali con l’INR utilizzando oltre 100 criptovalute.

Inoltre, Paxful, marketplace globale di Bitcoin peer-to-peer, ha ampliato le proprie attività in India. Un sondaggio condotto dalla società in merito al potenziale delle criptovalute in India ha rivelato che oltre il 75,8% degli intervistati ha dichiarato di aver fatto affidamento sulle valute digitali per trasferire denaro.