L’errore in prima pagina danneggia la reputazione dei produttori di Crypto-Wallet

Una confusione editoriale ha portato a conseguenze dannose per un’azienda di portafogli digitali nella sfera online.

I notiziari riportano erroneamente Trezor come il marchio in questione, anziché Ledger.
Trezor, un marchio di portafoglio digitale, si sta riprendendo da una serie di fake news che affermano che la società ha recentemente licenziato i suoi dipendenti.

Un attacco di disinformazione derivante da un piccolo malinteso ha drasticamente influenzato la reputazione online di un portafoglio digitale di criptovaluta.

Una notizia del CCN, riportava erroneamente che la compagnia sbagliata aveva licenziato circa il dieci percento dei suoi dipendenti. L’errore editoriale si è verificato nel titolo stesso, menzionando Trezor anziché Ledger come colpevole.

Entrambi i marchi sono produttori di portafogli digitali per criptovaluta.

A seguito di ciò, i notiziari, gli account sui social media, i bot e i feed hanno immediatamente iniziato a far circolare la notizia. Il titolo errato si è addirittura fatto strada verso Yahoo! News.

Mentre Yahoo! News ha emesso una correzione dopo che è stato chiarito il disguido, molti altri punti vendita di piccole e medie dimensioni e post sui social media devono ancora fare lo stesso. Tuttavia, la maggior parte degli articoli originali che sono stati pubblicati sono stati completamente rimossi.

Questo malinteso ha sollevato discussioni sulla qualità e sugli standard editoriali per le notizie nello spazio delle criptovalute. Non è la prima volta che la disinformazione circola all’interno del settore; proprio a maggio, un falso tweet inviato da un account Twitter che affermava di essere il CEO di BitMEX si lamentava del fatto che i prezzi di Bitcoin fossero “troppo alti”.

Mentre l’account ha cambiato il suo nome utente subito dopo, più cripto-appassionati di Twitterverse credevano che fosse un vero tweet dello stesso CEO e un punto vendita di criptovaluta arrivasse al punto  di scrivere davvero un rapporto su di esso.

Prima di questo, i media di criptovaluta hanno anche pubblicato una notizia da un tweet non correlato alla criptovaluta lo scorso settembre 2019.

Un reporter di Bloomberg aveva twittato che l’NSA stava lavorando alla “crittografia quantistica resistente”, riferendosi alla crittografia delle criptovalute. Tuttavia, più media hanno subito saltato sul tweet e iniziato a scrivere rapporti errati sull’NSA che lavorava su una criptovaluta.

Mentre tutte le forme di media rischiano di creare e diffondere false notizie , l’industria delle criptovalute sembra davvero essere messa alla prova. Le proposte per aiutare a mitigare l’apparenza e la diffusione della disinformazione, includono l’impiego dell’intelligenza artificiale per segnalare attivamente questi articoli, e chiede un aumento della regolamentazione dei media per quest’industria.