Lo scambio crypto giapponese fa causa a Binance per il suo presunto ruolo nel riciclaggio

Binance, uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo, è in crisi per le politiche di regolamentazione permissive

Immagine di un dito che preme il logo di Binance
Questi eventi sollevano domande scomode per milioni di utenti di criptovaluta che operano sulla piattaforma.

Fisco, l’exchange di criptovalute che ha rilevato Zaif, ha affermato che Binance abbia svolto il ruolo di piattaforma preferita dagli hacker che hanno riciclato fondi rubati nel 2018.

Gli hacker sono scappati via con risorse digitali del valore di $ 63 milioni in Bitcoin, Bitcoin Cash e Monacoin nel settembre 2018. I documenti del tribunale di Zaif ora accusano Binance di continuare a implementare politiche “lassiste” contro gli hacker e il riciclaggio di denaro, che ha permesso agli hacker di spostare $ 9,4 milioni dei fondi rubati.

Ziaf è una piattaforma di scambio di criptovaluta con sede a Osaka, in Giappone. È stata fondata nel 2014.

A seguito dell’hacking del 2018, i suoi dipendenti hanno collaborato con società di analisi pubbliche per risalire a una parte significativa dell’hacking a un indirizzo di proprietà di Binance.

Fisco afferma che Zaif aveva notificato a Binance gli afflussi di bitcoin degli hacker e aveva dato alla società un sacco di tempo e opportunità per congelare gli account. Tuttavia, l’incapacità di Binance di collaborare con l’exchange di criptovalute ha dato agli hacker il margine di manovra per elaborare 1.451,7 BTC, che all’epoca valevano $ 9,4 milioni, attraverso diversi account più piccoli e scambi su Binance.

Fisco chiede danni a Binance per i $ 9,4 milioni che si sono fatti strada attraverso lo scambio, insieme agli interessi e ad un equo compenso. Maggiori dettagli riguardo a quest’ultimo saranno discussi nel processo.

L’archiviazione del caso afferma che Binance si è trasformato in un rifugio per i criminali del crypto, grazie alle sue politiche di conoscenza del cliente (KYC) e antiriciclaggio (AML). Ha indicato il limite di prelievo di Bitcoin della piattaforma, che consente agli utenti che non hanno completato i loro obblighi KYC di prelevare più di $ 20.000 ai prezzi correnti.

Per fare un confronto, gli utenti che non sono stati ancora verificati su Kraken, uno scambio di criptovalute americano, possono prelevare solo $ 5.000.

Oltre a ciò, il deposito dell’istanza afferma anche che lo scambio era una piattaforma per il riciclaggio di circa $ 750 in criptovaluta, per lo più ottenuti da attività illecite.

Un rapporto che è stato recentemente rilasciato dalla Financial Action Task Force (FATF) sembra aver individuato Binance come uno scambio crypto con bandiera rossa. Sebbene il rapporto non nominasse esplicitamente gli scambi, affermava che gli utenti devono prestare attenzione quando effettuano transazioni con scambi con regolamenti AML bassi.

Ha anche narrato il percorso di un particolare exchange attraverso diverse giurisdizioni, e la sua avversione per una maggiore supervisione normativa. Molti ipotizzano che l’exchange sia probabilmente Binance, che inizialmente è stato istituito in Cina, si è poi trasferito in Giappone e poi infine a Malta.

Dopo che le autorità maltesi hanno riferito che Binance non è mai stato autorizzato nel paese, la società non ha fornito una chiara indicazione della sua attuale giurisdizione.