L’UE attuerà regolamenti più rigorosi sulle stablecoin

L’Unione Europea sta pianificando di presentare una serie aggiornata di regole sul cripto che potrebbero rendere le operazioni più difficili per i progetti di stablecoin

Fila di bandiere dell'UE
L’annuncio è stato fatto durante il Digital Finance Outreach, una serie di eventi per l’UE sul fintech

L’Unione Europea rilascerà una serie aggiornata di regole di criptovaluta che potrebbero rendere più difficile il funzionamento dei progetti stablecoin, come l’USDT, nella regione.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo della Commissione europea per un’Economia che Lavora per le Persone, ha rivelato ai partecipanti al Digital Finance Outreach 2020 di ritenere che l’UE dovrebbe prendere l’iniziativa per la creazione di nuove regole sulle risorse digitali.

Dombrovskis ha affermato che ora è “una buona opportunità per l’Europa di rafforzare la sua posizione internazionale e di diventare un setter globale di standard, con le aziende europee che guidano le nuove tecnologie per la finanza digitale”.

L’anno scorso, l’Associazione Libra ha inviato una petizione all’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) in merito all’ottenimento di una licenza del sistema di pagamento svizzero per la sua criptovaluta pianificata. Quest’anno è attesa una decisione sulla Libra, ampiamente considerata un concorrente di Bitcoin.

Alcune criptovalute, come i token di sicurezza, sono regolate dalla legge europea. Tuttavia, la maggior parte delle stablecoin non lo sono.

“La mancanza di certezza del diritto è spesso citata come il principale ostacolo allo sviluppo di un solido mercato delle cripto-attività nell’UE”, ha affermato Dombrovskis.

Lo scorso gennaio, l’autorità di regolamentazione bancaria del Regno Unito, la Financial Conduct Authority (FCA), ha assunto la responsabilità del monitoraggio di criptovaluta, antiriciclaggio (AML) e finanziamento antiterrorismo. La decisione della FCA è vista come una mossa per elevare il settore lontano dalla cosiddetta arena del “selvaggio West” in cui l’industria delle criptovalute ha operato.

Il governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, ha anche espresso la convinzione che le banche centrali, e non le società private, dovrebbero essere incaricate dell’emissione e della regolamentazione della valuta elettronica.

Tra l’aumento dell’adozione delle criptovalute e gli sviluppi del progetto Libra, le banche centrali di tutto il mondo hanno studiato lo sviluppo delle valute digitali delle banche centrali (CBDC) come un modo moderno per mantenere il controllo degli Stati sul denaro.

Villeroy de Galhau ha affermato che i piani non sono stati ispirati dalla Libra, ma dalla velocità della tecnologia e dal crescente desiderio di alcune banche di adottare la valuta digitale.

Gli enti regolamentari sulla criptovaluta avranno il ruolo del cane da guardia, supervisionando le risorse digitali e consolidando gli standard per l’industria in tutto il continente.

“Entro la fine dell’anno, presenteremo una strategia di finanza digitale per l’Europa per ottenere il massimo dalla finanza digitale e per competere a livello globale, eliminando più barriere normative tra i paesi, garantendo al contempo un’adeguata supervisione”, ha affermato Dombrovskis.

Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading