Home > News > Microsoft chiede ai giocatori di Xbox se sono favorevoli ai pagamenti Bitcoin

Microsoft chiede ai giocatori di Xbox se sono favorevoli ai pagamenti Bitcoin

Il gigante tecnologico Microsoft sta chiedendo agli utenti di Xbox se sono favorevoli alla possibilità di pagare prodotti e servizi usando bitcoin

Microsoft potrebbe considerare l’aggiunta dell’opzione di pagamento in bitcoin al suo negozio online Xbox Live. Secondo un post pubblicato ieri su Reddit (r/XboxSeriesX), il gigante tecnologico ha pubblicato un sondaggio chiedendo agli utenti Xbox le loro opzioni di pagamento preferite sul negozio online, ed anche bitcoin risulta nell’elenco delle opzioni. L’immagine, insieme ai link al gruppo Reddit, è circolata sulle piattaforme dei social media, compresi altri subreddit come r/ethtrader e r/Bitcoin.

Un utente di Xbox ha rivelato che le persone possono partecipare al sondaggio se fanno parte del programma Xbox Insider dedicato al beta testing degli aggiornamenti del sistema operativo. Le criptovalute sono relativamente popolari tra i giocatori, quindi introdurre l’opzione bitcoin renderebbe più facile per loro pagare beni e servizi in negozio.

Il gigante tecnologico nel 2014 aveva già introdotto BTC permettendo ai suoi utenti con sede negli Stati Uniti di acquistare contenuti da Windows, compresi i giochi per la Xbox. L’azienda ha interrotto l’opzione di pagamento ripristinandola nel gennaio 2018. Tuttavia, Microsoft attualmente non accetta pagamenti in criptovaluta sul negozio online di Xbox.

Anche se l’azienda potrebbe iniziare ad accettare bitcoin sul suo negozio Xbox, il gigante tecnologico non è così rialzista sulle criptovalute come lo sono Tesla e MicroStrategy; queste ultime di recente hanno investito miliardi di dollari in criptovalute.

La criptovaluta leader ci ha messo un po’ a convincere le aziende e le istituzioni finanziarie che è un asset prezioso. Gli investitori istituzionali si stanno esponendo al bitcoin attraverso diversi fondi e trust. Anche Morgan Stanley ha fatto il salto nel bitcoin, ed è probabilmente una questione di tempo prima che altre importanti banche statunitensi inizino ad offrire l’accesso al bitcoin ai loro clienti.