Microsoft crea un sistema ID che funziona sulla blockchain di Bitcoin

Il gigante della tecnologia ha insistito sul fatto che gli utenti di ION manterranno sempre il controllo sui propri dati

Insegna Microsoft
ION consente agli utenti di accedere a siti Web e app utilizzando credenziali digitali decentralizzate.

Microsoft ha svelato il lancio della sua rete di identificatori decentralizzati (DID) open source, nota come ION, sulla blockchain di Bitcoin.

ION consentirà agli utenti di creare credenziali digitali decentralizzate, come diplomi universitari o patenti di guida, per identificarle online. Queste credenziali potrebbero anche essere utilizzate per accedere agli utenti a siti Web e app. Inoltre, la natura decentralizzata del DID garantisce che le persone abbiano il pieno controllo dei propri dati durante l’utilizzo della rete.

Uno degli sviluppatori del protocollo Sidetree, Daniel Bucher, ha espresso lo stato d’animo sul lancio di ION.

“Siamo entusiasti di vedere ION fare il salto in rete Bitcoin per la sua beta pubblica. ION è una rete “Layer 2” aperta, pubblica e senza autorizzazioni, costruita su codice open source a cui chiunque può rivedere, eseguire e contribuire “. Ha spiegato.

DIDS è un nuovo tipo di identificatore che consente un’identità digitale decentralizzata e verificabile. Secondo una delle bozze che sono state pubblicate sul sito Web del World Wide Web Consortium, “Un DID identifica qualsiasi argomento (ad es. Una persona, organizzazione, cosa, modello di dati, entità astratta, ecc.) Che il responsabile del DID decide che esso identifichi. ”

Buchner ha spiegato che ION è stato progettato per operare in modo indipendente da intermediari di fiducia e parti centralizzate, tra cui Microsoft. Ne consegue che la rete non si basa su token di utilità speciali, nodi di validazione attendibili o meccanismi di consenso aggiuntivi. Spiega che “la cronologia dei blocchi lineari di Bitcoin è l’unico consenso” richiesto dallo ION.

“Poiché le chiavi dei tuoi DID non ti lasciano mai le mani e tutte le operazioni ION sono firmate localmente sul tuo dispositivo, hai la certezza che solo tu puoi modificare lo stato dei tuoi DID, indipendentemente da come scegli di interagire con la rete ION, “Ha spiegato ulteriormente.

Gli utenti di ION possono già creare i propri DID e utilizzare DID auto-emessi OpenID per autenticarsi su siti, app e servizi che supportano queste specifiche corrispondenti. Le aziende e altre entità potrebbero anche utilizzare lo ION per rilasciare credenziali digitali verificabili ai propri utenti.

Nei prossimi mesi, gli sviluppatori dello ION intendono far crescere la comunità della rete e ottenere ulteriori feedback e contributi. Ciò include nuovi casi d’uso e hackathon. Gli utenti possono tenere traccia dei progressi del progetto nei repository ION e Sidetree su GitHub. Tutti questi sforzi stanno portando al lancio della versione finale questo autunno.

Recentemente, Microsoft ha ottenuto un brevetto internazionale dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale per un sistema crittografico che utilizza i dati sull’attività del corpo.