Microsoft Lancia un’Infrastruttura Decentralizzata sulla Blockchain di BTC

Microsoft sta lanciando la prima implementazione di infrastruttura decentralizzata da parte di una grande azienda tecnologica che è costruita direttamente sulla blockchain di Bitcoin.

Microsoft
Shutterstock | Volodymyr Kyrylyuk

Il progetto open source, chiamato Ion, si occupa della meccanica di base di come le reti parlano tra loro. Ad esempio, se si accede ad Airbnb usando Facebook, un protocollo si occupa del software che invia le informazioni personali dal proprio profilo a quel fornitore di servizi esterno. In questo caso, Ion gestisce gli identificatori decentralizzati, che controllano la capacità di provare che tu possiedi le chiavi di questi dati.

Christopher Allen, co-fondatore del gruppo di lavoro del World Wide Web Consortium (W3C) per le soluzioni di identità decentralizzata (DID), ha detto che la mossa di Microsoft potrebbe avere un impatto sull’intero settore tecnologico.

“Molte infrastrutture aziendali utilizzano prodotti Microsoft,” ha detto Allen. “Quindi, se lo integrano in uno qualsiasi dei loro prodotti infrastrutturali, avranno accesso al DID.”

Infatti, Yorke Rhodes, un program manager del team di ingegneria blockchain di Microsoft, ha detto che il team di Microsoft ha lavorato per un anno su un software di firma e convalida delle chiavi che si basa su reti pubbliche, come Bitcoin o Ethereum, ma può gestire un throughput molto maggiore della blockchain sottostante allo stesso.

Sottolineando il fatto che Microsoft era un membro fondatore della Decentralized Identity Foundation, Rhodes ha detto che:

“Ci sono sistemi di Microsoft che ti danno i permessi in un contesto aziendale, un prodotto chiamato Active Directory, che pensiamo debba essere in grado di riconoscere anche questi DID.”

Ha aggiunto che tali prodotti e servizi infrastrutturali relativi ad Azure sono tra le offerte più popolari di Microsoft. Si presume dunque che questa iniziativa potrebbe avere una portata enorme.

Nel frattempo, una fonte anonima con conoscenza del progetto di Microsoft ha detto che Ion passerà dall’utilizzo del testnet di Bitcoin alla rete principale di Bitcoin entro la fine dell’anno. Come tale, qualsiasi osservatore esperto di tecnologia potrebbe eseguire un nodo e contribuire a questo progetto.

Allen del W3C ha affermato che la Microsoft non teme il Bitcoin, ma al contrario ritiene che questo abbia delle ottime proprietà che l’azienda è disposta a sfruttare.

Facendo un passo indietro, la differenza tra un DID sotto il cofano, rispetto all’infrastruttura attuale, parla al cuore degli utenti che possiedono i propri contenuti e accessi. Nell’esempio di Facebook e Airbnb, con un DID, Facebook potrebbe essere in grado di chiudere il tuo account di social media, ma non potrebbe revocare l’accesso a tutti gli strumenti che si basano sull’ID Facebook per accedere. Inoltre, tutte le foto personali su Facebook appartengono all’utente, il titolare del DID.

Rapporti con Facebook

Eppure Facebook, in particolare, potrebbe non essere in linea con l’approccio di Microsoft.

Un’altra fonte anonima ha detto che, sebbene Facebook sia stato invitato a partecipare ai progetti DID di Microsoft e agli sforzi della comunità, finora l’azienda di social media ha rifiutato gli inviti e ha invece continuato a seguire il suo approccio storico ai dati degli utenti.

“Stanno andando in una direzione diversa che non è così decentralizzata,” ha detto la fonte di Facebook.

Conflitti di interesse

Il Wall Street Journal e altri hanno riferito che Facebook sta cercando di costruire una piattaforma di pagamenti attraverso un proprio stablecoin Eppure Allen ha detto di non aver visto alcuno sforzo da parte di Facebook per supportare gli standard DID o gli sforzi della comunità come il W3C, che potrebbe creare una spaccatura con aziende come Microsoft che stanno facendo di tali standard un pilastro centrale del loro modello di business.

Rouven Heck, capo del DID di ConsenSys e membro attivo del W3C, ha detto che Facebook è notevolmente assente dalle discussioni della comunità in tutto il settore tecnologico sui DID.

E anche se Rhodes ha detto di non essere a conoscenza di alcun rapporto con Facebook, c’era chiaramente un disallineamento tra gli obiettivi delle due società per l’utilizzo della tecnologia blockchain.

Rhodes ha affermato che “Facebook è l’antitesi completa della privacy dei consumatori.” Ha inoltre aggiunto che “Il loro modello di business si basa sul fatto che possono monetizzare i dati che ti riguardano.”

Inoltre, la settimana scorsa la commissione bancaria del Senato degli Stati Uniti ha scritto una lettera a Facebook che esprimeva preoccupazioni su come l’azienda di social media gestirà i dati finanziari con il suo progetto crypto, che è chiamato in codice Libra. Sul progetto sono stati condivisi finora pochi dettagli al di fuori dei comunicati stampa.

In passato, Allen ha detto che Facebook ha implementato solo parti di protocolli che hanno permesso la condivisione dei dati “in modo proprietario che ha solo beneficiato” Facebook.

Per quanto riguarda l’approccio che il gigante dei social media adotterà per bloccare i sistemi a blockchain, un portavoce di Facebook ha detto che :

“Come molte altre aziende, Facebook sta esplorando modi per sfruttare il potere della tecnologia blockchain. Questo nuovo piccolo team sta esplorando molte applicazioni diverse. Non abbiamo altro da condividere.”

Responsabilità pubblica

In contrasto con le affermazioni secondo cui Facebook sta prendendo una direzione diversa con il suo progetto, sia ConsenSys che Microsoft stanno optando per rendere le iniziative open source pilastri fondamentali dei rispettivi modelli di business.

“Se riusciamo a creare determinati standard, questo aiuterà il sistema a costruire più velocemente, e questo è un bene per tutti noi,” ha detto Heck. Ha aggiunto che “I diversi prodotti che abbiamo sono tutti utili in tutto lo spazio e non integrati in qualche nicchia proprietaria.”

Rhodes è d’accordo con questo approccio, dicendo che impegnarsi con l’ecosistema open source serve gli obiettivi di business di Microsoft. Ha detto che “la filosofia della proprietà del consumatore e la centralità del consumatore” sono i principi fondamentali per la progettazione del software di Microsoft per il futuro.

Allen ha detto che spera che un senso di responsabilità pubblica continuerà ad essere visto come un vantaggio competitivo, soprattutto perché Microsoft Azure va testa a testa con Amazon Web Services per la quota di mercato del cloud.

Allen ha affermato che “Si potrebbe avere un servizio che si trova nel cloud ospitato da Microsoft Azure, ma è assolutamente sicuro perché tutto ciò che vi è contenuto è crittografato con le chiavi che controllate e tutto ciò che viene eseguito sotto la vostra autorità, anche se è nel cloud.”

Secondo Rhodes, gli attuali esperimenti con la tecnologia blockchain sono paragonabili a quelli di Microsoft che ha rilasciato Windows 95 nei decenni passati, il che ha contribuito a incrementare l’uso tradizionale di Internet attraverso un sistema operativo orientato al consumatore.

“Le pile di rete erano molto legate agli accessi alle reti esistenti,” ha detto Rhodes a proposito di internet pre-Windows 95. ” Come questo, penso che [Ion] sia abbastanza significativo”.