Nvidia citata in giudizio per aver sottostimato miliardi di entrate in criptovalute

Gli investitori sostengono che la società di elaborazione grafica Nvidia è più dipendente dalla crittografia di quanto riveli.

Piattaforma di mining GPU Bitcoin
Le tecnologie create per i dispositivi di gioco e i minatori di criptovaluta sono molto simili.

Gli investitori in Nvidia hanno citato in giudizio la società per aver falsificato le loro entrate.

Meglio noti come progettisti di GPU (Graphics Processing Unit) e processori informatici per tecnologie, Nvidia, insieme ad Advanced Micro Devices (AMD), ha visto un marcato aumento delle loro vendite due anni fa, grazie a uno spostamento verso il mining di criptovaluta.

Sebbene i loro prodotti siano stati originariamente progettati per gli sviluppatori di giochi, le GPU sono risultate efficaci nel risolvere complessi problemi matematici; rendendoli utili per il mining di criptovaluta.

Mentre il boom diminuiva, sia Nvidia che AMD subirono contemporaneamente un calo delle spedizioni e un aumento degli inventari. Anche la domanda dei loro prodotti stava rallentando a causa della diminuzione dei prezzi delle criptovalute e della redditività del mining.

Il flusso di entrate ottenuto dalla ristorazione ai minatori di criptovaluta, che entrambe le società promettono di classificare come OEM (Original Equipment Manufacturer), è stato invece elencato come “Gaming”.

La denuncia afferma che Nvidia ha sottostimato l’entità della sua dipendenza dalle vendite di criptovaluta ai suoi investitori.

Nomina diversi membri senior del management di Nvidia, come il Chief Executive, Jensen Huang, come suoi imputati, con la causa legale intentata per conto di tutti gli investitori dell’azienda.

Inoltre, la sfida legale nomina anche il Chief Financial Officer di Nvidia, Collette Kress, e il Vice Presidente esecutivo, Jeff Fisher, come persone direttamente responsabili per l’eufemismo delle entrate.

I dipendenti con sede in Cina e Russia sono stati cruciali per valutare se la società stesse davvero inducendo in errore gli investitori. Questo perché la maggior parte delle operazioni di mining di criptovaluta si trovano in questi paesi a causa dei bassi costi energetici.

I denuncianti affermano che Nvidia ha indotto in errore gli investitori a causa delle seguenti affermazioni del management:

  • Le entrate ottenute vendendo prodotti di mining di criptovaluta non erano significative rispetto alle entrate totali dell’azienda durante il periodo di tempo coperto dalla causa.
  • L’aumento delle entrate da gioco che Nvidia ha sperimentato durante il boom delle criptovalute è stato dalle vendite ai giocatori, non ai minatori
  • I ricavi dei prodotti minerari si sono riflessi solo nel segmento OEM; tuttavia, due terzi delle entrate minerarie sono state classificate nel segmento dei giochi, secondo la causa.

Oltre a queste trasgressioni, i denuncianti sostengono anche che il management di Nvidia non solo era pienamente consapevole di ciò che stava accadendo, ma ha anche continuato a prendere di mira i minatori di criptovaluta dopo aver sperimentato l’aumento della domanda.