Ultime Notizie

Polkadot pianifica un ICO per raccogliere altri 60 milioni di dollari

0 Commenti

Il progetto Blockchain Polkadot sta cercando di raccogliere fino a 60 milioni di dollari attraverso un initial coin offering (ICO).

ICO
Zoommachine | Shutterstock.com

Secondo un report del Wall Street Journal di giovedì citando “persone che hanno familiarità con la materia”, l’ultimo sforzo di raccolta fondi di token della startup porterebbe il valore di tutti i suoi token a 1,2 miliardi di dollari, includendo quelli non in circolazione.

Polkadot ha precedentemente raccolto più di 145 milioni di dollari attraverso una vendita simbolica nell’ottobre 2017. Poco dopo, però, aveva congelato i token per un valore di 98 milioni di dollari a causa di un bug nel portafoglio Parity. Al momento il team ha affermato: “La nostra capacità di costruire Polkadot come pianificato e nel rispetto del calendario originale non è stata alterata”.

Sviluppato dal co-fondatore di Ethereum Gavin Wood e di proprietà di Parity Technologies e della Web3 Foundation, Polkadot è un protocollo di interoperabilità blockchain che ha visto il suo primo proof-of-concept (PoC) entrare in funzione nel maggio 2018.

Il protocollo è stato progettato per consentire alle blockchain di comunicare tra loro e facilitare gli aggiornamenti automaticamente senza aggiornamenti a livello di sistema o hard fork. L’anno scorso è stata annunciata una nuova forma di gestione che ha passato la decisione ai titolari di token. DOT, il token interno della rete Polkadot, permette ai titolari di votare su potenziali modifiche al codice, che poi si aggiornerà automaticamente attraverso la rete se si raggiunge il consenso.

Parity e Web3 hanno già detto in precedenza che il piano è quello di lanciare ufficialmente la rete Polkadot nel terzo trimestre del 2019.

Parity ha lavorato alla costruzione di una serie di strumenti e progetti blockchain. Il mese scorso, ha lanciato Substrate, una piattaforma che permette agli utenti di creare blockchains personalizzati per applicazioni decentralizzate, ed è integrato con il protocollo Polkadot.

Substrate è disponibile come versione beta. La tecnologia open-source è stata progettata per essere “il più generico possibile” per consentire flessibilità nella progettazione di blockchains. L’API inclusa permette inoltre agli utenti di creare il proprio meccanismo di consenso o di utilizzare la “maggior parte” degli algoritmi esistenti.

Substrate è integrato con il protocollo di interoperabilità a blockchain dell’azienda Polkadot ed è scritto nel linguaggio di programmazione Rust, mentre un’implementazione JavaScript può essere eseguita nei browser.

Il cofondatore di Ethereum e fondatore di Parity Technologies Gavin Wood ha detto:

“Substrate prende tutte le nostre lezioni apprese nella costruzione di Ethereum e Polkadot e distilla in una pila di strumenti che permette di ottenere tutte quelle stesse ricompense.”

Substrate è attualmente rilasciato sotto la GNU General Public License (GPLv3), ha detto Parity, ma sta progettando di passare alla licenza open-source Apache 2.0 per la “massima libertà di sviluppo”. La “natura ampiamente permissiva” di Apache 2.0 incoraggerà anche le aziende Fortune 500 ad adottare la tecnologia, ha detto l’azienda.

Con Substrate, ha detto Wood, “non devi sapere tutto, non devi fare tutto per sviluppare tutta la tua nuova blockchain, ma puoi fare abbastanza per avere una catena specifica del dominio, che ha la sua parametrizzazione e le sue caratteristiche che ti permettono di fare un particolare lavoro.”

L’azienda ha anche aggiunto una prima versione del cambiamento del codice Casper di Ethereum in Substrate nello stesso mese. Il codice contiene un meccanismo di transizione all’aggiornamento “Shasper”, che combina la soluzione di scalatura interna di Ethereum, sharding, insieme al suo proof-of-stake consensus switch, Casper.

 

 

 

Polkadot pianifica un ICO per raccogliere altri 60 milioni di dollari
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.