Ultime Notizie

Quali sono le principali differenze tra BCH e Bitcoin tradizionale

0 Commenti

Forse la altcoin più simile a bitcoin è proprio bitcoin cash, nata da un hard fork della catena originale l’1 agosto del 2017 dopo uno strascico di polemiche e tensioni ad alto livello tra nascenti “gruppi di crypto potere”. Però, se alla fine divorzio è stato qualcosa di diverso c’è. Con questo articolo vogliamo scoprire quali sono le principali differenze tra BCH e bitcoin tradizionale, prima di decidere se è meglio comprare BCH o investire fondi nello storico bitcoin.

Bitcoin e BCH a confronto: chi è la migliore?

Si può parlare di migliore o peggiore altcoin? Questo lo deciderai tu alla fine, ora mettiamo a confronto le differenze tra bitcoin tradizionale e BCH.

La tabella sotto proposta riassume le principali caratteristiche in comune e quelle che fanno la differenza. Noti subito la diversa dimensione del blocco, una delle grandi discussioni che ha condotto la community di bitcoin alla scissione. Tutto si è giocato sul numero di transazioni, ovvero la capacità della rete di gestire lo spostamento di criptovaluta da una entità all’altra. Per la nuova altcoin l’aumento del blocco ha significato un ampio beneficio in termini di transazioni al secondo: 148 tx/sec.

Bitcoin BCH
Versione wallet Bitcoin Core 0.16.1 0.17.1.0-e1fa952
Algoritmo di hash SHA-256 SHA-256
Numero di coin massimo 21 milioni 21 milioni
Tempo del blocco 10 minuti 10 minuti
Ricompensa del blocco 12,5 BTC 12,5 BTC
Dimensione del blocco 1 MB Fino a 32 MB
Ricalcolo della difficoltà 2.016 blocchi 144 blocchi
Numero di transazioni secondo 4,6 148
Numero di transazioni giorno 400 mila 12,8 milioni
Segregated Witness (SegWit) No
Lightning Network No

Perché nasce Bitcoin Cash

Le divergenze di visione in seno alla comunità di sviluppatori del codice ha radici lontane. La divisione è nata sul metodo da applicare per snellire la rete della moneta elettronica. Gli sviluppatori di Bitcoin Core hanno sostenuto l’introduzione di SegWit e l’implementazione della Lightning Network; sull’altro versante si sono schierati i sostenitori dell’aumento delle dimensioni del blocco come soluzione per accrescere la velocità ed eliminare definitivamente il problema del traffico sulla rete.

Le due visioni, se mai lo hanno voluto, non hanno trovato alcuna conciliazione e si è giunti all’hard fork.

Cosa avrebbe voluto Satoshi Nakamoto?

In tutta questa vicenda si è percepita forte la mancanza di un leader, del fondatore, di Satoshi Nakamoto il (pseudo) inventore del bitcoin. In assenza di un leader i gruppi di potere hanno saputo solo dividere la community per ragioni “politiche”.

La cosa buffa è che da entrambe i lati sostengono di essere i depositari “del vero bitcoin”, un codice senza brevetto depositato, voluto open source, che tutti possiamo riutilizzare per ricreare la nostra coin personale.

Meglio investire in BCH o Bitcoin tradizionale?

La parola d’ordine è quella consigliata dagli esperti: diversificare. Hai già comprato bitcoin ed hai ulteriori soldi da investire? Bene. Investi gli ulteriori fondi in BCH attraverso un broker sicuro come eToro, sfrutta le potenzialità di una piattaforma avanzata e semplice da usare per trarre profitto dalle criptovalute.

Per ulteriori aggiornamenti sul futuro delle due monete digitali, visita la nostra area news.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.