Home > News > Raccolta settimanale di notizie di criptovaluta

Raccolta settimanale di notizie di criptovaluta

Bitcoin termina la settimana al di sopra del livello di $57.000 anche se il primo pezzo d’arte digitale NFT è stato venduto da Christie’s per oltre $ 69 milioni

Bitcoin termina la settimana sopra i $57.000

La principale criptovaluta ha sottoperformato verso la fine di febbraio e all’inizio di questo mese. Tuttavia, si è ripreso questa settimana, recuperando la maggior parte delle sue perdite e quasi raggiungendo di nuovo il suo massimo storico.

Il prezzo di Bitcoin ha raggiunto un massimo settimanale di $57.000 e sta lentamente marciando verso il suo massimo storico di $58.300 di nuovo. Anche le altre principali criptovalute si stanno comportando in modo eccellente al momento. Ether si sta lentamente avvicinando al suo massimo storico di $2.000 e potrebbe raggiungerlo nei prossimi giorni.

I dati di Bloomberg hanno rivelato che gli investitori istituzionali sono più inclini a Bitcoin rispetto all’oro. Secondo Bloomberg, il numero di investitori che scelgono Bitcoin al posto del metallo prezioso è aumentato notevolmente negli ultimi tempi. L’analista di Bloomberg Mike McGlone ritiene che la crescente domanda di Bitcoin potrebbe indicare che la principale criptovaluta sta lentamente prendendo il sopravvento e potrebbe eventualmente sostituire l’oro.

La crescente domanda di Bitcoin sta influenzando la sua disponibilità. Secondo i dati della società di analisi Blockchain, CryptoQuant, BTC detenuto sugli scambi di criptovaluta è di circa 2,3 milioni all’8 marzo. Ciò è avvenuto dopo che gli scambi di criptovaluta hanno visto un deflusso di oltre 61.000 bitcoin dalle loro piattaforme in un solo giorno.

Ciò potrebbe essere attribuito agli investitori istituzionali che acquistano le monete e le conservano in un portafoglio di cold storage. La maggior parte degli investitori crede nel potenziale a lungo termine della criptovaluta ed è disposta a mantenerla per i prossimi anni.

La casa d’aste Christie’s vende arte digitale per 69 milioni di dollari

La famosa casa d’aste britannica Christie’s ha venduto la sua prima opera d’arte digitale all’inizio di questa settimana. Il Beeple NFT è stato venduto per $69,3 milioni, rendendolo il pezzo d’arte digitale più costoso mai venduto. Era la prima volta che la secolare casa d’aste vendeva un NFT digitale. L’evento è stato anche la prima volta che Christie’s ha accettato Ethereum come pagamento per un’opera d’arte.

Le arti digitali NFT stanno diventando sempre più popolari nel mondo. Grazie alla tecnologia blockchain, gli artisti possono rivendicare la proprietà delle loro arti digitali e essere pagati per loro. La vendita da parte di Christie del Beeple NFT e la sua adozione di criptovalute potrebbero convincere altre case d’asta a fare mosse simili.

Ripple afferma di non aver mai tenuto un ICO

Ripple ha continuato la sua battaglia legale con la Securities and Exchange Commission (SEC). L’organismo di regolamentazione aveva accusato Ripple e alcuni dei suoi dirigenti di vendere titoli non registrati sotto forma di XRP. La società ed i suoi dirigenti hanno finora negato le accuse. Questa settimana, Ripple ha rilasciato una dichiarazione in cui nega che XRP sia una security. Dal momento che non ha mai detenuto un ICO, la società di pagamento blockchain ha affermato che XRP non può essere classificato come titolo.

La società blockchain ha anche risolto la sua controversia legale con YouTube. Ripple ha citato in giudizio YouTube per l’incapacità della piattaforma video di far rispettare le sue politiche, consentendo la diffusione di truffe XRP. YouTube e Ripple ora lavoreranno insieme per eliminare le truffe XRP sulla piattaforma video.

Ripple è stato anche nelle notizie questa settimana dopo aver concluso la sua partnership con MoneyGram. MoneyGram ha lavorato con Ripple per quasi due anni, unendo le forze su un progetto nello spazio dei pagamenti transfrontalieri.

La mania degli ETF sui Bitcoin è in aumento

Nel primo decennio di Bitcoin, lo spazio delle criptovalute mancava di un fondo negoziato in borsa (ETF) di Bitcoin. Ciò potrebbe essere dovuto al basso interesse istituzionale per la criptovaluta e la SEC statunitense ha negato diverse richieste di ETF nel corso degli anni.

Tuttavia, il Canada ha già approvato tre ETF Bitcoin negli ultimi mesi. Gli ETF Bitcoin stanno guadagnando terreno poiché gli investitori istituzionali li utilizzano per ottenere esposizione alla principale criptovaluta.

I recenti annunci di lavoro di Grayscale suggeriscono che la società di investimento potrebbe pianificare di lanciare presto un ETF Bitcoin. La società ha pubblicato nove lavori relativi all’ETF sul suo sito web ufficiale. I lavori hanno sede negli Stati Uniti, alimentando ulteriormente le speculazioni secondo cui Grayscale potrebbe lanciare il suo ETF Bitcoin nel paese.

La mania dell’ETF è continuata mentre il Sud-est asiatico ha visto il suo primo lancio assicurato di ETF Bitcoin all’inizio di questa settimana. L’ETF Bitcoin è stato lanciato in Malesia con l’aumento della domanda di criptovalute da parte delle istituzioni.

L’ETF, denominato BCMG Genesis Bitcoin Fund-I (BGBF-I), fornirà anche un’assicurazione agli investitori, fungendo quindi da rete di sicurezza per gli investitori che decidono di investire nella principale criptovaluta.

JPMorgan accelera il processo di adozione di criptovaluta

JPMorgan Chase si sta muovendo per diventare una delle banche leader in quanto a presenza di criptovaluta. All’inizio di questa settimana, JPMorgan ha annunciato che stava lanciando un paniere di strumenti di debito di 11 azioni, garantendo agli investitori un’esposizione al mercato delle criptovalute.

La banca lo ha reso noto in un modulo fornito alla SEC. Il paniere sarebbe chiamato JPMorgan Cryptocurrency Exposure Basket. Il paniere stesso non investirà in società di criptovaluta, ma investirà nel mercato attraverso il proxy delle società quotate.

La banca d’investimento sta anche cercando esperti blockchain poiché rafforza JPM Coin per fornire servizi di pagamento efficaci. La banca ha attualmente 34 posizioni di lavoro blockchain aperte sul suo sito web.

Goldman Sachs registra la domanda di Bitcoin da parte dei clienti

Il presidente e COO di Goldman Sachs ha rivelato che la banca d’investimento vede aumentare la domanda di Bitcoin da parte dei suoi clienti. John Waldron ha detto che l’ingresso di Goldman Sachs nello spazio delle criptovalute è una questione di quando e non se. La banca di investimento ha detto che continuerà a valutare il mercato.

Etichette: