Ripple alla ricerca di un Vice Presidente marketing

Ripple ha aperto una nuova posizione nell’azienda come parte del suo piano di espansione a livello globale.

Il vicepresidente del marketing dovrebbe aumentare l’espansione dell’azienda ad un vasto pubblico e facilitarne lo sviluppo, in particolare nei trasferimenti internazionali di denaro.

Il gigante della crittografia Ripple ha rivelato che la società è ora alla ricerca di un vicepresidente nel marketing. Questo è un nuovo ruolo nell’organizzazione, inteso ad espandere la sua presenza nelle istituzioni di Wall Street e rafforzare la sua posizione nella comunità crittografica.

La nuova lista di lavoro sul loro sito web elenca in dettaglio le responsabilità della nuova posizione. La panoramica del ruolo spiega che la società è alla ricerca di un candidato in grado di supervisionare la propria canalizzazione di marketing B2B, costruendo il proprio marchio aziendale in un mercato diversificato e guidando gli sforzi della società B2B2C verso le persone che inviano e ricevono denaro su scala globale.

Ripple va oltre e spiega che il candidato ideale per il lavoro ha almeno dodici anni di esperienza in ruoli di leadership nel marketing, è inserito in maniera eccellente in una rete di collaborazioni internazionali e ha una forte affinità per la leadership, la collaborazione e la comunicazione.

Mentre Ripple è anche una valuta digitale, è più conosciuta per il protocollo di pagamento digitale che ha sviluppato. È una piattaforma decentralizzata e open source che facilita il trasferimento di denaro, indipendentemente dalla valuta.

La startup con sede a San Francisco ha uffici satellite nelle principali città del mondo, tra cui New York, Washington DC, Mumbai, Londra, Dubai, Singapore, Reykjavík e San Paolo.

Le criptovalute hanno sperimentato un aumento del valore di mercato in mezzo alla pandemia. Ripple XRP, insieme a Bitcoin, Litecoin, Ethereum e Bitcoin Cash, ha aggiunto oltre 10 miliardi di dollari al mercato delle criptovalute nell’aprile 2020. A parte l’improvvisa ripresa degli affari, l’amministratore delegato dell’Asia meridionale e MENA Navin Gupta hanno rivelato che la pandemia ha cambiato il comportamento dei consumatori aumentando il passaggio ai pagamenti digitali.

“C’è un cambiamento in termini di clienti che hanno un’impronta digitale molto forte, che sono ‘nativamente digitali’- banche o società di pagamento. Sicuramente, quello che stiamo vedendo è che la loro attività è andata avanti, e che questo ‘passaggio al digitale’ è stato accelerato da questa crisi “. Ha spiegato Gupta.

Inoltre, le quarantene e i blocchi in tutto il mondo hanno aumentato il numero di trasferimenti di denaro digitale. Gupta ritiene che una parte di questo passaggio all’elaborazione dei pagamenti digitali continuerà a persistere, molto dopo la fine della pandemia.

“Supponendo che questa situazione continuerà per alcuni mesi, penso che alcuni di questi cambiamenti saranno permanenti, perché la prima volta che educhi qualcuno a utilizzare un servizio digitale è normale che richieda del tempo . Ma una volta che lo si usa, perché si è appreso come fare, allora sempre più persone …continueranno a farlo da quel momento in poi.”