Ultime Notizie

Ripple Labs e R3 Consortium raggiungono un accordo

0 Commenti

In un breve comunicato stampa del 10 settembre pubblicato su Business Wire la società Ripple Labs Inc. annuncia il raggiungimento di un accordo con la società R3 HoldCo LLC, che pone fine alla controversia legale sorta nel 2017. Il comunicato rende noto che i termini dell’accordo resteranno confidenziali da parte di entrambe le parti e nulla verrà divulgato pubblicamente.

I motivi che hanno condotto Ripple Labs e R3 Consortium in un’aula di tribunale risalgono al mese di settembre 2017, quando R3 ha intentato un’azione legale contro Ripple Labs negli stati di New York e del Delaware negli USA.

R3 Consortium accusa la società proprietaria della piattaforma RippleNet di aver violato un accordo di acquisto del token XRP tra le parti. L’accordo include un’opzione che consente a R3 di comprare fino a cinque miliardi di XRP, in tutto o in parte, al prezzo di 0,0085 USD entro la fine del 2019.

La causa si è in seguito spostata dal Delaware allo stato della California, dove Ripple Labs ha la sede legale nella città di San Francisco.

La risposta legale di Ripple

Ripple Labs, in risposta ha avviato una sua azione legale in California accusando a sua volta R3 di aver violato gli impegni scritti nel medesimo contratto.

Il contenzioso si è complicato tra novembre e dicembre 2017 per la lievitazione improvvisa del prezzo di ripple nei mercati. Fino a quel momento il valore dei 5 miliardi di XRP ammontava a circa un milione di USD, ma a fine dicembre le nuove cifre riportavano 3,85 miliardi di USD di valore.

ripple

Ripple Labs stava avendo la peggio

A marzo del 2018 il tribunale di San Francisco risponde alle dichiarazioni presentate da Ripple, negando che possa chiudere la causa aperta dall’R3 Consortium. Per evitare danni economici all’azienda i fondatori di Ripple hanno preferito giungere ad un accordo, evitando così ulteriori tensioni nei mercati.

Come procede l’espansione di Ripple

Il grande gruppo bancario giapponese MUFG, il sei settembre scorso, ha elogiato la piattaforma decentralizzata RippleNet considerandola veloce e conveniente per i suoi clienti. Il gruppo bancario MUFG utilizza Ripple per spostare enormi quantità di denaro dei clienti da una parte all’altra del mondo, coinvolgendo le sue filiali presenti in 50 nazioni.

Ulteriori progetti sono attivi tra banche e servizi di pagamento internazionali operanti tra il Giappone e la Corea del Sud, che servono un’ampia platea di emigrati coreani che stabilmente lavorano in Giappone ed inviano parte dello stipendio alle famiglie rimaste in patria.

Il prezzo di XRP

Dai massimi di 2 dollari di valore di gennaio 2018, il prezzo di ciascun XRP è calato verticalmente nel 2018, l’ultimo rilevamento indica che il valore di un XRP è a 0,27 USD.

Nel 2017 la criptovaluta ripple si era resa protagonista di un un incremento nel prezzo del token XRP pari al 36.000%, la crescita così elevata aveva fatto diventare milionari tanti investitori della prima ora.

Il basso valore di mercato della criptomoneta XRP si potrebbe rivelare un vantaggio per gli investitori che si introducono ora e intenzionati a fare trading con ripple.

Ripple Labs e R3 Consortium raggiungono un accordo
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.