Ultime Notizie

Bitcoin cash superato da Ripple: previsioni d’investimento 2018

0 Commenti

Ripple XRP token supera bitcoin cash per valore di mercato: 47,9 miliardi di euro contro i 36,6 miliardi di euro di BCH. In pochi agli inizi del 2017 avrebbero previsto un ripple così forte a pochi giorni dal 2018. Non una sorpresa per chi durante l’anno si è aggiornato costantemente sull’evoluzione del progetto ed ha appreso che American Express, Credit Agricole, RAKBANK ed altre banche si sono unite alla RippleNet.

Coinbase aggiungerà Ripple a gennaio 2018

A far balzare il prezzo verso il nuovo record di 1,24 euro per XRP, la notizia che Coinbase potrebbe aggiungere ripple l’8 gennaio 2018. Il grande exchange mondiale ha già movimentato il mercato aprendosi a bitcoin cash pochi giorni fa. Si può quindi immaginare cosa potrà succedere se davvero sarà possibile comprare ripple su Coinbase.

Ripple si presenta come una delle criptomonete su cui investire nel 2018. Vediamo allora quali sono le previsioni.

Investire ripple previsioni 2018

Ripple previsioni per il 2018

Il 2017 è terminato e vale la pena vedere quali possono essere per ripple le previsioni 2018. Per capire quanto potrà essere importante investire in ripple nel 2018, è necessario leggere quello che il team di sviluppatori è stato capace di catalizzare intorno al progetto in questo 2017.

Le tappe di XRP nel 2017

  • 10 gennaio. Bitstamp exchange si apre al trading di ripple. I clienti possono comprare XRP con euro e USD.
  • 1 febbraio. La National Bank di Abu Dhabi annuncia che userà la RippleNet per i pagamenti transfrontalieri in tempo reale.
  • 15 febbraio. BitGo e ripple creano un wallet enterprise.
  • 28 febbraio. Ripple Consensus Ledger raggiunge le 1.000 transazioni al secondo.
  • 31 marzo. Nuove caratteristiche nel Ledger di XRP ne aumentano la velocità allo stesso livello del circuito Visa.
  • 16 maggio. La società Ripple annuncia la nascita di un fondo di garanzia da 55 miliardi di XRP per la fine del 2017.
  • 29 giugno. Il money transfer tailandese SBI Remit, la Siam Commercial Bank e Ripple, lanciano il servizio di trasferimento di denaro veloce basato su RippleNet. Servizio dedicato a 45 mila cittadini tailandesi che vivono in Giappone.
  • 20 luglio. La Banca d’Inghilterra pubblica i risultati dei test su RippleNet come potenziale blockchain da implementare nel sistema bancario nazionale RTGS system.
  • 21 luglio. Per la Federal Reserve, ripple migliora la velocità e la trasparenza dei pagamenti globali.
  • 22 novembre. Axis Bank e Standard Chartered adottano ripple per i pagamenti istantanei.
  • 28 novembre. Durante Consensus: Invest, il fondatore di TechCrunch Michael Arrington annuncia la nascita di un suo fondo (Arrington XRP Capital) da 100 milioni di dollari composto di soli XRP.
  • 14 dicembre. Le maggiori banche coreane e un consorzio di banche giapponesi si uniscono per migliorare i pagamenti cross-border tra i due Paesi usando la RippleNet.
  • 21 dicembre. Investire in XRP diventa più semplice. Ripple festeggia i primi 50 exchange che adottano il token.

Cosa c’è nel futuro di Ripple?

E il futuro di Ripple? Lo spiego attraverso un caso concreto.

La banca Santander U.K., dell’omonimo gruppo bancario spagnolo, ha sviluppato una app Android e iOS in collaborazione con ripple.

App ripple Santander UK

L’applicazione, disponibile in via sperimentale per i 7.000 impiegati, consente loro di inviare da 10 a 10.000 sterline inglesi in ogni parte del mondo. Oppure di convertire le sterline in euro o in dollari USA. La app basata su RippleNet, ha così velocizzato i pagamenti internazionali e ridotto i costi d’invio.
Secondo Santander, l’esperimento dimostra che l’industria bancaria potrebbe risparmiare 20 miliardi di USD l’anno in costi relativi ai cross-border payments e migliorare la conformità delle transazioni alle normative vigenti.

Vuoi investire in Ripple nel 2018, ma prima vorresti conoscerla meglio? Ti invito a leggere la guida completa a Ripple qui su Coinlist.me.

 

Bitcoin cash superato da Ripple: previsioni d’investimento 2018
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.